Genzano, Borri in consiglio mette in luce i problemi dei Cittadini

Genzano,  Borri in consiglio mette in luce i problemi dei Cittadini

Durante il Consiglio comunale di Genzano del 25 gennaio, il consigliere Roberto Borri ha ricordato la figura di Eduardo Ferri e ha votato a favore per la Cittadinanza Onoraria della Senatrice Segre e delle sorelle Amati.

Inoltre, si è dichiarato favorevole alla riformulazione dell’orario di apertura del Cimitero e alla riapertura del martedì e ha preso atto che l’Amministrazione affronterà la seria questione da lui stesso sollevata: la situazione dei lavoratori precari in Villa delle Querce.

Borri ha, poi, sottolineato la problematica che ancora sussiste ai danni dei cittadini residenti in zona Via Colle degli Ulivi: l’Italgas è dovuta nuovamente intervenire per togliere l’acqua nei tubi del gas.
“Non passa un giorno in cui Italgas non debba scavare, fare le buche e togliere acqua” ha dichiarato Borri. “Gli operai mi hanno spiegato che dipende dal fatto che, quando l’ACEA ha fatto il danno a settembre, l’acqua che è entrata non è uscita tutta, perché le tubature non sono tutte lineari, ma fanno delle curve e anche delle piccole fosse e l’acqua si è fermata lì”.

Con il gas che sta uscendo, soprattutto da quando si sono accesi i riscaldamenti” ha spiegato Borri “l’acqua si sposta. Per cui può accadere, e accadrà sicuramente, che ci saranno nel prossimo futuro ancora interventi da parte di Italgas”.

Per fortuna sembra non esserci alcun pericolo dal punto di vista della sicurezza, ma i residenti hanno dovuto sostenere delle spese, anche gravose, a causa di danni provocati dall’ACEA. Borri chiede, pertanto, se l’ACEA possa prevedere una forma di risarcimento per quelle famiglie che hanno avuto danni abbastanza rilevanti e onerosi.
“Un modo per avere un recupero delle somme che hanno dovuto spendere non provocati da loro, ma dall’ACEA. Far sentire a questi cittadini la vicinanza del Comune per quanto riguarda un danno arrecato da un’attività fatta sulle strade di Genzano e che ha procurato le conseguenze che stiamo vedendo ancora oggi”.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati