Albano, topi in discarica. Oggi la mobilitazione si sposta a Roma

Albano, topi in discarica. Oggi la mobilitazione si sposta a Roma

Albano – Stamattina in discarica sono stati avvistati numerosi topi, e la mobilitazione oggi si sposta a Roma, davanti alla sede degli uffici regionali dei rifiuti in via Oderico da Pordenone.

grafiche settembre

Alle 9.30 un pullman con un nutrito numero di cittadini ê partito da via Ardeatina, mentre al presidio attendono tutti sempre una presa di posizione del sindaco Borelli.

“Cosa sta aspettando a chiudere la discarica di Roncigliano, dopo l’arrivo dei dati allarmanti di Arpa, molto al di sopra dei parametri consentiti annunciati ieri al presidio. Per non parlare della puzza pazzesca e insopportabile che si é creata e la presenza di centinaia di topi presenti. Cosa altro ci vuole per firmare l’ordinanza di chiusura per motivi igienici sanitari?” ha detto una anziana donna della zona di Villaggio Ardeatino, molto indignata e preoccupata per il futuro dei suoi figli e nipoti.

Intanto il consigliere comunale Matteo Orciuoli, capogruppo della Lega ad Albano, stamattina ha dichiarato: “Le analisi effettuate dall’agenzia per l’ambiente Arpa Lazio, seppure su pochi sversamenti di rifiuti e non su tutti i camion che entrano a via Roncigliano, confermano le gravi preoccupazioni già espresse da troppo tempo da tutta la cittadinanza e forze politiche.

“Abbiamo richiesto la convocazione urgentissima -prosegue Orciuoli- di un consiglio comunale, come opposizione, per spingere il sindaco ad adottare idonee misure contro le ordinanze della Raggi e Zingaretti. Il consiglio è stato convocato per lunedì pomeriggio, nella speranza che il Tar tolga le castagne dal fuoco ad una amministrazione comunale guidata da un sindaco senza coraggio e in balìa dei poteri superiori che gli dettano le azioni senza diritti di replica”.

Stamattina sono arrivati già diversi camion, dalle 7 alle 9:30, e alcuni sono stati controllati da due membri del comitato cittadino Villaggio Ardeatino, Marco De Vellis e Gianni Pulcini, che da oltre un mese sono lì sul posto a manifestare la loro protesta insieme agli altri numerosi cittadini e al Comitato No inceneritore. I controlli visivi hanno rilevato una fuoriuscita di sostanze gassose sospette, che fanno pensare a presenza di organico e umido tra il FOS trattato.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati