Frascati, Mastrosanti: “Covid esperienza dura, ma non mi fermo: c’è tanto da fare per la Città”

Frascati, Mastrosanti: “Covid esperienza dura, ma non mi fermo: c’è tanto da fare per la Città”

Nasco e cresco a Frascati, ho il dono di due figli che adoro e sono felicemente coniugato. Intraprendo la professione di avvocato, dopo un percorso di studi che mi ha fornito anche competenze aziendali. Incontro la politica locale in età matura e ricopro tutti i ruoli. Dapprima consigliere comunale, poi amministratore e Presidente della società partecipata del comune, infine assessore con numerose deleghe e a seguire Sindaco. 

Un’esperienza molto gratificante anche se particolarmente impegnativa se consideriamo la situazione di difficoltà economica finanziaria del Comune con la quale ho dovuto confrontarmi e, più in generale, un contesto veramente gravoso non ultimo a causa della pandemia da Covid-19.

Buongiorno Sindaco Mastrosanti, è un onore intervistarla. Noi, come giornale, siamo stati i primi a comunicare la notizia della sua positività al Covid-19, innanzitutto come sta? Ci vuole raccontare questa brutta esperienza che l’ha colpita qualche mese fa?

Quando ad ottobre abbiamo scoperto che il Covid era penetrato nella nostra famiglia, l’unica preoccupazione è stata quella di stringerci e credere fortemente che ce l’avremo fatta a superarlo. Io sono stato ricoverato due settimane con polmonite bilaterale presso il PTV e dopo qualche giorno di preoccupazione sul possibile decorso della malattia sono a riuscito a venire fuori completamente. È stata una esperienza dura, sia per la sofferenza personale che per l’esperienza di dolore vissuta da altre persone ugualmente contagiate con le quali mi sono trovato a condividere questo percorso. Dall’altra parte ho tratto grande energia e forza nel sostegno della mia intera famiglia e in una solidarietà umana veramente straordinaria di amici e conoscenti.   

La pandemia nazionale che ha colpito il nostro paese, in che modo ha influenzato e modificato le strategie politiche e amministrative della sua giunta?

Tutta l’attività amministrativa è stata fortemente condizionata dalla pandemia, che ha assorbito moltissime delle energie dei nostri uffici. Abbiamo cercato di concentrarsi su un sostegno ai cittadini ed alle nostre attività produttive. Non è stato facile e non sarà facile neanche nei prossimi mesi, ma continuiamo a lavorare anche con una serie di misure economiche importanti che abbiamo disposto a fine anno. Amministrativamente siamo rimasti indietro con alcune iniziative ben avviate, ma ci conforta che nonostante tutto i conti sia del Comune che della azienda comunale, la STS, siano rimasti sotto controllo.

Quali sono i principali obiettivi strategici che la sua giunta si prefigge per il 2021?

Speriamo che l’emergenza sanitaria molli la presa. Stiamo avviando cantieri molto importanti per oltre sei milioni di euro di manutenzione straordinaria del patrimonio comunale. Villa Torlonia, il Parco Archeologico di Cocciano, la scuola di Via Vanvitelli a Vermicino, gli immobili comunali a Villa Muti, il fosso di Macchia dello Sterparo. Abbiamo appaltato la realizzazione di un parcheggio in via Sciadonna e deliberato la realizzazione di un multipiano d 140 posti auto in via Gregoriana. Stiamo ultimando la gara per il rifacimento del selciato di viale Regina Margherita e partirà quest’anno il nuovo servizio di raccolta rifiuti solidi urbani dal quale ci aspettiamo molto in termini di miglioramento della percentuale di differenziazione.

Anche se la sua carica da Sindaco è ancora a circa metà mandato, quali sono i prossimi obiettivi e le sue ambizioni politiche future?

Le cose da fare in questa ultima parte di mandato sono molte e dettagliate in un documento prodotto agli atti del consiglio comunale. Su questo ho chiesto uno sforzo a tutti gli amministratori e su questo si misurerà la nostra volontà di riproporci per un secondo mandato.  Dobbiamo procedere su alcuni temi già in fase avanzata di definizione inerenti all’esternalizzazione di alcuni servizi, alcuni interventi sul piano parcheggi, la prosecuzione del percorso di risanamento dei conti del comune e della STS.  Ma soprattutto dobbiamo essere in grado di assistere i nostri cittadini e le nostre attività produttive nel superamento di questo complesso ed impegnativo momento.

Ringraziamo il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti per quest’intervista e gli auguriamo un buon lavoro per il futuro!

Flavia Arcangeli

Condividi

Redazione 2

Un pensiero su “Frascati, Mastrosanti: “Covid esperienza dura, ma non mi fermo: c’è tanto da fare per la Città”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati