Nemi, primo memorial “Aldo Salerno”, raccolti 4000 euro per la ricerca e cura del cancro.

Nemi, primo memorial “Aldo Salerno”, raccolti 4000 euro per la ricerca e cura del cancro.

Nemi (Rm) – Domenica 12 Giugno si è svolto presso il campo sportivo di Nemi Luciano Iorio, il primo memorial dedicato ad Aldo Salerno, direttore delle poste nemesi e amato mister, scomparso il 13 novembre 2021. Salerno, compianto allenatore di calcio (ex Diana Nemi , vis Velletri, Sporting Genzano, Aprilia e molte altre squadre locali). Gli organizzatori dell’evento sono stati i ragazzi da lui stesso allenati, in particolare va menzionato Mirco Silvestri, che con la canzone da lui scritta e cantata, ha dato l’avvio a una bellissima manifestazione, dove si sono alternate partite di calcio a sette e poi la proiezione su maxischermo del commovente documentario di tre episodi girato da Luca Piermateri e il suo assistente Luca Saltatetti “a cui vanno tutti i nostri complimenti per aver rappresentato la vita di Aldo” hanno detto i familiari. A condurre la manifestazione il mitico “gufo” Bruno Bellucci, giornalista sportivo e grande amico del mister scomparso.

studio legale giussani roma


Il torneo è stato vinto, dopo una combattuta finale, dagli atleti dell’ex Sporting Genzano capitanati dal condottiero Lembo e il mister, scelto per l’occasione, Jacopo Costantini. Contro i ragazzi classe 79’ dell’oratorio di Genzano, i suoi ragazzi, come ricordava spesso mister Aldo Salerno.
Durante la premiazione, l’ex presidente dello Sporting Genzano Luciano Barberi insieme a tutti gli atleti allenati dal mister, hanno voluto regalare alla famiglia la maglia con dedica indossata dallo Sporting durante il primo storico derby della città di Genzano disputato con il più blasonato Cynthia 1920, vinto per 4 a 0 dai ragazzi di Salerno.

grafiche aprile 2022


Gli organizzatori ci tengono a ringraziare quanti hanno voluto condividere il ricordo con la famiglia presente: la moglie Mariagrazia e i due figli Giordano e Chiara, i fratelli Mimmo, Corrado e Rita. Il ricavato della raccolta benefica, di scirca 4mila euro, è stato devoluto alla ricerca contro il cancro. Anche il mister Salerno sarebbe stato contento, di questa bella iniziativa, visto che il suo grande “cuore” simbolico batte ancora forte come quando era in panchina ad allenare e spronare i suoi calciatori.

Condividi

Autore M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati