Genzano, corona d’alloro a Parco Giulio Amati per le vittime dell’Olocausto

Genzano, corona d’alloro a Parco Giulio Amati per le vittime dell’Olocausto

Si è tenuta stamattina a Parco Giulio Amati, a Genzano, la commemorazione delle vittime dell’Olocausto. Presenti il Sindaco Carlo Zoccolotti, le autorità civili e militari, i rappresentanti degli studenti dell’istituto “Pertini” e del liceo “Vailati”, il Presidente dell’ANED (Ass. Naz. Ex Deportati) Aldo Pavia e dell’ANPI Genzano (Ass. Naz. Partigiani d’Italia) Adriano Carrisi e i nipoti di Giulio Amati, Andrea Di Veroli e Alessia Salmoni.

Dopo aver deposto una corona d’alloro in ricordo di tutte le vittime della persecuzione” ha commentato Zoccolottiabbiamo condiviso parole di aspra condanna per gli orrori dell’Olocausto, ma anche, e soprattutto, di fiduciosa speranza nelle generazioni future, custodi della memoria“.

Il dolore causato dalla follia nazifascista e dalle barbarie compiute nel secondo Dopoguerra a spese di uomini, donne e bambini innocenti, ha ferito anche la nostra comunità, Genzano e i suoi cittadini. È fondamentale ascoltare da chi ha vissuto sulla sua pelle l’orrore del campo di concentramento e della prigionia. E ritengo che le parole segnino, forse, ancor più nel profondo, quando provengono da uomini che hanno camminato per le strade che conosciamo bene, guardato i nostri stessi paesaggi e abitato questa nostra stessa città. Mi riferisco ai nostri due concittadini, Alamberto Pucci e Pietro Giannini“.

Pucci fu internato nel campo di prigionia ‘Fullen’ di Meppen, mentre Giannini venne deportato a Buchenwald. Entrambi tennero un diario della loro prigionia. Il resoconto d’inestimabile valore della loro terribile esperienza è ora raccolto in un testo, ‘Memoria e dolore’, curato dalla Prof.ssa Anna Baldazzi, nostra concittadina a sua volta, che ringrazio per il suo prezioso lavoro di ricerca“.

Le parole di Alamberto Pucci e Pietro Giannini oggi sono eredità di tutti noi: ‘… e stanotte ho sognato Genzano, se torno vivo farò dire una messa a Santa Teresina’. Dal diario di Pietro Giannini, 1944“.

Condividi

Valentina INFO

Un pensiero su “Genzano, corona d’alloro a Parco Giulio Amati per le vittime dell’Olocausto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati