Albano Laziale – La preghiera e il ricordo della Chiesa di Albano per Benedetto XVI

Albano Laziale – La preghiera e il ricordo della Chiesa di Albano per Benedetto XVI

Albano Laziale – Il vescovo Vincenzo Viva: «Oggi, insieme a tutta la chiesa, sentiamo di esprimere i nostri sentimenti di cordoglio e di gratitudine per un pontefice, che con la sua distinta personalità teologica e
pastorale, ha saputo indicare alla comunità ecclesiale sentieri di verità e di speranza, in tempi
difficili e travagliati».

grafiche ottobre 2022

La Chiesa di Albano si stringe in preghiera con la Chiesa universale per la morte del Papa Emerito Benedetto XVI (Joseph Ratzinger), avvenuta sabato 31 dicembre all’età di 95 anni. Uniti nel cordoglio, il vescovo Vincenzo Viva, il vescovo emerito cardinale Marcello Semeraro, i presbiteri, i fratelli e le sorelle di vita consacrata e i fedeli della diocesi ricordano la vicinanza e l’affetto, dimostrati nella preghiera, nelle parole e nelle azioni, di papa Benedetto XVI per questa Chiesa locale.

grafiche ottobre 2022
grafiche ottobre 2022

Oggi, 31 dicembre, a mezzogiorno, dopo l’Angelus, il vescovo Vincenzo ha invitato a suonare le campane
delle Chiese della diocesi di Albano, per ricordare anche in questo modo il profondo legame di affetto e la preghiera per il Papa emerito Benedetto. Domani, 1° gennaio 2023, solennità della Madre di Dio, si avrà in tutte le celebrazioni eucaristiche un’intenzione speciale di preghiera.

«La nostra diocesi di Albano – ha dichiarato il vescovo Vincenzo Viva – ha avuto la grazia di diversi incontri
con Benedetto XVI. Egli amava soggiornare nella tranquillità delle ville pontificie a Castel Gandolfo, a
contatto con la natura e le persone dei Castelli romani, per trovare ristoro dalle sue fatiche pastorali.
Diverse sono state le circostanze di incontro diretto con il clero della diocesi e con i fedeli, in cui si è rivolto alla nostra Chiesa locale con l’amabilità di un vero padre e la saggezza di un grande teologo e pastore.

grafiche ottobre 2022

Oggi, insieme a tutta la Chiesa, sentiamo di esprimere i nostri sentimenti di cordoglio e di gratitudine per un pontefice, che con la sua distinta personalità teologica e pastorale, ha saputo indicare alla comunità
ecclesiale sentieri di verità e di speranza, in tempi difficili e travagliati. Egli ha servito la Chiesa con grande
dedizione, forza spirituale e lucidità intellettuale. La diocesi di Albano lo ricorda con affetto e gratitudine
nella preghiera».

In molte circostanze, papa Benedetto XVI ha espresso parole di affetto, simpatia e vicinanza alla Chiesa di
Albano, ai suoi vescovi, presbiteri e fedeli: dai soggiorni presso il Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, agli incontri con il clero diocesano, dalle visite alle comunità religiose (in particolare delle Sorelle Clarisse in piazza Pia ad Albano Laziale), alla storica visita del 21 settembre 2008, quando il Pontefice celebrò la Messa nella Cattedrale di San Pancrazio per consacrare il nuovo altare e inaugurare la nuova cattedra episcopale.

Fino al saluto, dalla loggia centrale del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, il 28 febbraio 2013, dopo la
rinuncia al Pontificato, quando – da semplice “pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in
questa terra” – salutò i fedeli della diocesi di Albano, ringraziandoli per l’amicizia, la simpatia e l’affetto:
«Vorrei ancora – disse papa Benedetto XVI – con il mio cuore, con il mio amore, con la mia preghiera, con la mia riflessione, con tutte le mie forze interiori, lavorare per il bene comune e il bene della Chiesa e
dell’umanità. E mi sento molto appoggiato dalla vostra simpatia. Andiamo avanti insieme con il Signore per il bene della Chiesa e del mondo. Grazie, vi imparto adesso con tutto il cuore la mia Benedizione».

Condividi

Autore F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: