Albano – Ardea, undicesimo discamping di protesta contro la discarica e l’inceneritore

Albano – Ardea,  undicesimo discamping di protesta contro la discarica e l’inceneritore

Albano Laziale – Ardea (Rm) – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del “Coordinamento contro l’inceneritore di Albano/Presidio permanente contro la discarica”:

“A distanza di 23 anni dalla prima nostra denuncia dei danni provocati dalla discarica di Roncigliano facciamo ancora i conti con esalazioni pestilenziali, inquinamento delle falde e abbancamento di qualunque tipo di rifiuto, benché sottoposto a trattamento “preliminare” di TMB, TBM, TM.
Dopo 5 anni di fermo la discarica ha ingoiato quasi 100.000 t di rifiuti tra il 2 agosto 2021 e l’11 marzo del 2022 e poi ancora 30.000 tra luglio e agosto appena trascorsi.
Al nostro pallottoliere abbiamo largamente superato le 450.000 t autorizzate dalla VIA del 2009, ma nessuno, Area Rifiuti della Regione, Comune di Albano, meno che mai Area Metropolitana e Comune di Roma, riesce a produrre una misura che contrasti la fantasmagorica previsione di Ecoambiente che dà ancora disponibili al marzo scorso 159.000m3. Con la seconda ordinanza, Gualtieri arriva a sversare anche rifiuti provenienti dalla RIDA di Aprilia con un nuovo codice CER e il disastro cresce.
Oggi gli sversamenti avvengono a 4,5 metri sopra il piano di campagna e Ecoambiente, “sotto lo sguardo vigile” dei commissari antimafia si prepara a salire al 2° piano. È ovvio che non si può aspettare il 15 novembre, scadenza della Gualtieri 2. A rendere più amena la situazione la nuova amministrazione di destra non fa partire il cantiere delle fogne e ha tentato perfino di togliere l’acqua con le cisterne mentre ventila ritorsioni contro gli abitanti “irrequieti” dei villaggi.

Nel frattempo Gualtieri ha portato a “Vas” il suo piano comunale dei rifiuti. Si conferma il grande inceneritore a S. Palomba, la discarica di servizio e i grandi biometano a Roma Nord.
Tutto è stato portato a VAS senza nulla dire sulle specifiche industriali dell’inceneritore, sulla natura e le quantità delle emissioni, sui consumi d’acqua, rimane ignoto quindi su cosa dovrebbe essere svolta la “valutazione ambientale”, la novità invece è che si farà a meno del “pretrattamento”, quindi il rifiuto andrà direttamente dal cassonetto all’inceneritore, un “combustibile” con ridotta capacità calorica, fortemente disomogeneo che condanna l’impianto a un deperimento precoce.
Analoghe considerazioni si possono fare per i biodigestori anaerobici, largamente finanziati dal PNRR rispondono esclusivamente a un piano di avvelenamento nazionale di terreni, colture e allevamenti.


Nessuno ci salverà da questi predatori se non la nostra capacità di lotta, di opposizione, di continuità di iniziativa.”

Condividi

Autore M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: