Circo Togni fermo da febbraio: “Abbiamo bisogno di provviste e scorte per gli animali

Circo Togni fermo da febbraio: “Abbiamo bisogno di provviste e scorte per gli animali

Il Circo Lidia Togni, fermo a Capannelle da febbraio a causa del Covid-19, si trova in una situazione di forte disagio.

Dopo il primo lockdown, gli artisti del Circo Lidia Togni, sono riusciti a lavorare solo una settimana prima del nuovo DPCM, questo, inevitabilmente ha compromesso la gestione degli animali e delle provviste all’interno del circo.

Sette tigri, due dromedari, diverse mucche watussi, una coppia di elefanti e sedici cavalli sono presenti all’interno del tendone circense e al momento si ritrovano con provviste verso l’esaurimento.

Il messaggio d’aiuto è chiaro ed è stato lanciato dagli stessi operatori circensi, i quali, tramite uno striscione chiedono donazioni di cibo.

Siamo allo stremo delle forze“- spiega il responsabile del benessere degli animali – “ogni giorno vengono consumati circa 8 quintali di cibo, tra fieno e mangime. Una quantità del genere ha un costo troppo elevato per un circo fermo da fine febbraio“.

In questo momento è fondamentale salvaguardare il benessere degli animali, per questo motivo, chiunque potesse contribuire attraverso donazioni o scorte di cibo, può rivolgersi a: circolidiatogni.ufficio@gmail.com / circolidiatogni.ufficio@hotmail.com

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati