Albano, rimane chiusa via Graziosa, 5 famiglie ancora fuori casa, la disperazione dei negozianti chiusi

Albano, rimane chiusa via Graziosa, 5 famiglie ancora fuori casa, la disperazione dei negozianti chiusi

Rimane ancora chiusa e transennata via Graziosa al centro storico di Albano e ancora fuori casa le 5 famiglie, circa 25 persone di varie età, anche bambini, dalla palazzina evacuata per le crepe interne degli appartamenti, dai vigili del fuoco di Marino e Roma la sera di venerdì scorso.

giugno

Anche la strada e l’accesso dal Corso principale è stata transennata e alcune attività commerciali hanno dovuto abbassare la serranda di nuovo dopo i tragici mesi dei vari lockdown. “Siamo veramente amareggiati” ha detto Andrea Casella, che insieme ai fratelli, gestisce la birreria artigianale Fustock adiacente alla palazzina evacuata. “Dopo la riapertura di qualche giorno fa, e dopo aver pagato affitti alti, tasse e bollette senza poter lavorare per oltre un anno, ci siamo sentiti dire dalle autorità di dover subito lasciare l’edificio, far uscire i clienti, l’altra sera e abbandonare in fretta tutto il nostro lavoro fatto di grandi sacrifici”.

“Comunque non ci scoraggiamo, continuiamo a combattere, con uno spirito positivo, come nello stile della nostra famiglia. Attendiamo i nostri affezionati amanti delle birre artigianali presso lo spazio all’aperto del Parco Romano del Biodistretto ad Ariccia, in Piazza dei Daini a Monte Gentile, dal mercoledì sera in poi per tutta la settimana a partire dalle 18”.

“Ci auguriamo comunque, che l’amministrazione comunale, i proprietari dello stabile e delle abitazioni lesionate, che facciano al più presto tutto quello che sia necessario per riaprire la strada e le nostre attività in tempi brevi. Intanto abbiamo anche chiesto una postazione esterna con furgone delle birre su suolo pubblico al comune di Albano, per poter continuare a lavorare anche nei pressi della nostra birreria e attendiamo risposte a breve”.

Si attendono intanto, l’ispezione sotterranea della squadra di tecnici specializzati di Acea per accertare eventuali cedimenti o perdite di acque sotterranee, per poi procedere a tutte le verifiche statiche dello stabile, visto che questa ennesima tragedia scampata, ha diviso in due la cittadina tra il corso di sopra e quello di sotto e mandato a casa alcuni operatori commerciali.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati