Zagarolo,”MEDIOERA”, il Festival di cultura digitale

Zagarolo,”MEDIOERA”, il Festival di cultura digitale

Zagarolo – La tredicesima edizione di “Medioera”, il Festival di cultura digitale, raddoppia e, dopo la tappa viterbese, dal 24 al 25 Settembre arriva nello Spazio Attivo LOIC di Palazzo Rospigliosi a Zagarolo.

Realizzato in collaborazione con lo Spazio Attivo di Lazio Innova e con il patrocinio del Comune di Zagarolo, “Medioera” nasce con l’obiettivo di raccontare la trasformazione che il digitale ha portato in ogni ambito della nostra vita.

GRAFICHE SETTEMBRE 2022

PROGRAMMA

Si parte Sabato 24 alle ore 18.00, presso la Sala Formazione dello Spazio Attivo di Lazio Innova, con una conversazione fra Antonio Pavolini e Bruno Mastroianni sul tema dell’iperconnessione.

“Da grandi poteri- diceva Spiderman – derivano però anche grandi responsabilità”. Siamo sufficientemente attrezzati a gestire una così grande accelerazione? È davvero necessaria una rivoluzione culturale nel nostro rapporto con i media? Di quali competenze comunicative abbiamo bisogno per evitarne le insidie, e anzi trasformare questo potenziale in reali opportunità per noi e per gli altri?

A seguire, alle 18.30, sempre nella Sala Formazione dello Spazio Attivo di Lazio Innova, presentazione del volume “L’impresa circolare” di Davide Chiaroni edito da Egea. Il libro affronta un tema di grande attualità: In una società alla disperata ricerca di sostenibilità, il concetto di economia circolare rischia di perdere nitidezza: il libro di Davide Chiaroni cerca di mettere ordine indicando alle imprese italiane la strada da percorrere per affrontare una rivoluzione industriale e destinata a cambiare il mondo

Chiuderà la giornata di Sabato lo spettacolo dedicato a Pier Paolo Pasolini nel centenario della nascita, “Who is me?”

Una lettura scenica con Lucia Bendia che si svolgerà, a cominciare dalle ore 19.00, presso il Giardino Pensile di Palazzo Rospigliosi.

Scritto nell’estate del ‘66, più volte ripreso da Pier Polo Pasolini e pubblicato postumo nel 1980 a cura di Enzo Siciliano, il Poeta delle Ceneri è un’opera autobiografica mai del tutto completata. Questo testo venne probabilmente concepito da Pasolini come una presentazione di sé e del proprio lavoro ad un ipotetico intervistatore americano e proprio per questo il titolo pensato in origine doveva essere Who is me.

Domenica 25 Settembre, invece, appuntamento alle ore 11.00 a Palazzo Rospigliosi per l’Instameet progettato in collaborazione con l’associazione “Instagramers Italia”. Parteciperà il presidente dell’associazione Orazio Spoto. L’instameet sarà l’occasione per una passeggiata formativa sui temi della comunicazione digitale alla scoperta del territorio di Zagarolo, della sua storia e della sue tradizioni.

Alle ore 18.00, presso il Giardino pensile di Palazzo Rospigliosi, è in programma un “Poetry Slam” in collaborazione con l’associazione Incendi Spontanei.

Cos’è un “Poetry Slam”?

Una sfida, sei poeti. Tre minuti a testa, testi propri, solo corpo e voce. Il migliore sarà decretato dal pubblico. Una competizione tra performer che si cimentano in poesia, monologhi poetici, rap e qualunque cosa vi venga in mente, guidati dal Maestro di Cerimonia (EmCee). La gara è valida per il campionato italiano 2022/2023 della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam.

Tutte le info sul festival le trovate a questo link: https://medioera.it/

Condividi

AutoreL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati