Velletri, partecipata protesta di tutte le sigle sindacali al carcere di Velletri: oltre 200 presenti

Velletri, partecipata protesta di tutte le sigle sindacali al carcere di Velletri: oltre 200 presenti

Velletri – Presenti tutti i segretari e dirigenti nazionali regionali e locali delle varie sigle sindacali della polizia penitenziaria all’iniziativa di protesta davanti al carcere di via Cisternense. Chiedono più personale, meno turni di lavoro massacranti e veder riconosciuti maggiormente i loro diritti.

La manifestazione è durata dalle 11 alle 13 ed ha visto interessati i sindacati Sappe, Osapp, Uil, Sinappe (Sippe), Uspp, Fns Cisl, Cgil e Cnpp.

Mancano circa 80 unità operative tra gli agenti penitenziari: ce ne sono infatti meno di 200 a fronte di un organico che dovrebbe essere di 280.

Alla protesta hanno preso parte anche il sindaco di Velletri Orlando Pocci, la consigliera comunale Chiara Ercoli e la direttrice del carcere Maria Donata Iannantuono, insieme anche alla comandante degli agenti di polizia penitenziaria.

studio legale giussani roma

Continua lo sciopero della mensa del personale all’interno del carcere per sollecitare il Ministero della Giustizia ad inviare personale al Penitenziario.

La maggioranza del personale attuale è ultracinquantenne. Spesso non possono fare le ferie e si trovano costretti a fare turni lunghi e massacranti in un carcere dove ci sono circa 450 detenuti, che già in passato sono stati coinvolti in tentati suicidi, liti e risse. Molti dei detenuti sono inoltre in regime di massima sicurezza.

Di recente gli spazi sono stati allargati con più detenuti provenienti da tutto il Lazio e anche da fuori Regione.

Condividi

Autore F

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati