Vado in ferie! Ma quando e come posso andarci?

Vado in ferie! Ma quando e come posso andarci?

Sognando le ferie, ma quando e come posso andarci?
Siamo ormai vicini al periodo dell’anno in cui i dipendenti pensano alle ferie dal lavoro. Vediamo insieme le regole di base da seguire per non avere spiacevoli sorprese.
Un lavoratore matura le proprie ferie durante l’anno solare che va da gennaio a dicembre, in base alla presenza lavorativa. Le ferie si maturano anche quando non si lavora, in caso di maternità obbligatoria, malattia, ferie, permessi retribuiti e infortuni. Non si maturano invece in caso di maternità facoltativa, aspettativa, cassa integrazione a zero ore e assenza per malattia del bambino.

vividentaò
Case di riposo Villa Il Sogno e Villa Serena


Quanto durano le ferie?
La legge dice che la durata minima delle ferie è di quattro settimane, salvo diverse indicazioni del Ccnl.
Posso rinunciarci?
La risposta è no. Il lavoratore ha il diritto irrinunciabile a godere delle ferie spettanti, ogni altro patto contrario è nullo. NB: le ferie non possono essere monetizzate se non per cessazione del rapporto di lavoro.
Come ne posso usufruire?
Salvo diverse indicazioni dei Ccnl, il lavoratore usufruisce delle ferie:
a. Per almeno due settimane nell’anno di maturazione
b. Per le restanti due entro 18 mesi successivi al termine dell’anno relativo alla maturazione Ad esempio, ipotizziamo che nel 2022 si maturano quattro settimane di ferie, il lavoratore dovrà usufruire di due settimane entro dicembre 2022 e di altre due settimane entro giugno 2024.
Chi stabilisce il periodo di ferie?
Il datore di lavoro, come espressione del potere organizzativo e direttivo. Il lavoratore può solo indicare il periodo nel quale vuole usufruirne.
Negare le ferie è sanzionabile dal punto di vista amministrativo e prevede anche il risarcimento di un danno patrimoniale.
Contributi su ferie non godute
Nel caso di ferie non godute, entro 18 mesi successivi al termine dell’anno di maturazione, vengono versati i contributi. Il pagamento dei contributi avrà evidenza nella busta paga di luglio e andrà effettuato entro il 20 agosto del 2° anno successivo alla maturazione delle ferie non godute.
Ecco un piccolo memorandum sulle prossime scadenze:
-30.06.2022: termine entro cui godere delle ferie maturate nel 2020 (18 mesi dalla scadenza dell’anno di maturazione delle ferie);
-20.08.2022: se vi è un residuo ferie 2020 si dovranno pagare i contributi su tali ferie non godute:(i contributi vengono recuperati al momento dell’effettivo godimento delle ferie);
-31.12.2022: fruizione di almeno due settimane di ferie maturate nell’anno 2022;
-30.06.2023: termine per il possibile godimento delle ferie maturate e non godute nel 2021.
Buone vacanze!

Dott.ssa De Marzi Romina

paghe pratiche ariccia

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati