Roma, controlli nelle zone della movida: sigilli a minimarket e sanzioni a camion bar per la vendita irregolare di alcolici

Roma, controlli nelle zone della movida: sigilli a minimarket e sanzioni a camion bar per la vendita irregolare di alcolici

Roma – Dalla vendita irregolare di alcolici, al mancato rispetto delle disposizioni anti contagio: sono oltre un migliaio i controlli eseguiti dalla Polizia Locale di Roma Capitale in questo fine settimana, a partire dalle località tipiche della movida, come Campo de’ Fiori, Monti, Pigneto, Ponte Milvio e Ostia.

luglio

Sono 5 i minimarket chiusi per reiterata violazione dell’ordinanza sindacale sulla vendita di alcolici: 2 in zona Monti, 2 nel quartiere Esquilino e 1 nei pressi di Piazza Bologna. Sanzionati e diffidati per lo stesso motivo 2 camion bar, uno in zona Saxa Rubra e uno all’Eur.

Una cinquantina tra minimarket e attività di somministrazione sono stati sanzionati per oltre 50 mila euro, per ulteriori irregolarità amministrative e 8 di questi sono stati diffidati per violazione delle normative covid e consumo di alcol fuori dall’orario consentito. In Centro Storico la chiusura è scattata anche per un laboratorio alimentare, già diffidato, che si era improvvisato ristorante.

Due noti locali, nel XV e IX Municipio, sono stati sanzionati e diffidati per presenza di assembramenti.

Numerose le verifiche sul commercio ambulante abusivo, sia sul litorale romano, che al centro storico. A Ostia sono stati sequestrati giocattoli e teli da mare venduti illegalmente su strada, mentre a Piazza di Spagna un ambulante abusivo è stato fermato per identificazione, in quanto privo di documenti. Al vaglio la regolarità della sua posizione sul territorio nazionale.

Una denuncia per resistenza, violenza e rifiuto di declinare le generalità è scattata nei riguardi di un cittadino di nazionalità romena di 30 anni, fermato dagli agenti alla stazione Ostiense, mentre era intento a infastidire i passanti. Alla vista della pattuglia l’uomo, in stato di alterazione alcolemica, ha iniziato ad inveire contro gli operanti, che sono riusciti a fermarlo, procedendo alla successiva denuncia.

Accertamenti hanno riguardato anche la sicurezza stradale, con posti di controllo e repressione delle soste irregolari.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati