Rocca di Papa: Riaprono le porte del Museo geofisico a 90 anni dall’esperimento di Marconi

Rocca di Papa: Riaprono le porte del Museo geofisico a 90 anni dall’esperimento di Marconi

Rocca di Papa – Il Comune di Rocca di Papa e INGV comunicano che in data 11 agosto 2022, all’interno dell’estate roccheggiana, ricorderanno con una serata all’insegna della scienza e della convivialità, un momento importantissimo della storia della ricerca italiana: l’esperimento Marconiano in cui Guglielmo Marconi riuscì a collegarsi via radio con Rocca di Papa, da Golfo Aranci, utilizzando le onde corte.

“È un piacere inaugurale questa nuova ripartenza delle attività dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) presso il Museo Geofisico di Rocca di Papa, con una serata come questa – dichiara la sindaca Veronica Cimino – ed è per questo che desidero ringraziare il delegato, dott. Nicola Mauro Pagliuca, per l’impegno prodotto, e quello che produrrà, che ci ha consentito di arrivare ad un primo importante risultato.

Fin dall’inizio del nostro mandato abbiamo lavorato per ridare lustro a questa struttura per la quale il Comune nutre un puro sentimento di affetto per la valenza culturale e per la sua innata capacità di essere un polo turistico invidiabile. Finalmente mettiamo una prima importantissima pietra. In queste ore, inoltre, ho sentito personalmente il Sindaco di Golfo Aranci, Mario Mulas, ed abbiamo organizzato un collegamento con la Città sarda nella stessa serata per rimembrare l’esperimento Marconiano in una serata roccheggiana tutta da vivere.”

vividental

Il Museo, per il quale l’INGV ha nominato di recente un nuovo direttore, il dr. Fawzi Doumaz, è infatti oggetto di importanti interventi di recupero e allestimento al fine di riorganizzare, riqualificare e valorizzare gli spazi e i percorsi di visita. Un’idea progettuale totalmente innovativa che, una volta realizzata, vedrà l’avvio di numerose iniziative con il coinvolgimento di scuole, per fare del Museo uno spazio sempre più partecipato ed inclusivo, grazie alle sinergie tra Comune e INGV.

“Sarà una serata diversa e innovativa, un simbolo che dimostra come veramente l’unione fa davvero la forza – commenta l’assessore al Turismo Francesco De Santis – infatti abbiamo trovato una fattiva collaborazione con il nuovo direttore del Museo, Fawzi Doumaz, che ringrazio personalmente per il lavoro fin qui svolto per rendere fruibili fin da subito alcune aree del Museo e per quello che insieme porteremo avanti con sempre maggiore determinazione.

Case di riposo Villa Il Sogno e Villa Serena

Vogliamo ripartire con slancio e donare una rinnovata veste alla struttura. Questa iniziativa, insieme all’ufficio socio-culturale, ci è sembrata la più adatta per segnare il punto zero di nuovo inizio che vedrà anche la partecipazione fattiva dell’INGV alle attività legate al Fuori Mondiale.”

“La serata prevede tre conferenze, con il supporto scientifico dell’INGV e l’osservatorio ATA (Associazione Tuscolana di Astronomia), oltre alle musiche di Paolo Valbonesi, grazie alla collaborazione con la Pro Loco, un aperitivo sulla magnifica terrazza del Museo. In serata un laser punterà in direzione Golfo Aranci. Il nostro modo per rendere omaggio a Guglielmo Marconi quale grande ricercatore ed inventore italiano e lanciare un messaggio di rinnovato ottimismo.” – concludono la sindaca Cimino e l’assessore De Santis.

Condividi

Autore A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati