Raddoppiati problemi alla vista da ansia post Covid, studio

Raddoppiati problemi alla vista da ansia post Covid, studio

(Adnkronos) – La pandemia, come noto, ha avuto un profondo impatto sulla salute mentale di ampie fasce della popolazione, ma questo disagio psicologico diffuso sta provocando anche disturbi della vista. In uno studio di prossima pubblicazione, gli esperti dell’ospedale San Giuseppe – MultiMedica di Milano richiamano l’attenzione sul fenomeno, evidenziando come i pazienti con 'perdita visiva funzionale' o 'cecità funzionale', deficit più o meno grave della vista caratterizzato dall’assenza di alterazioni organiche rilevate dall’esame oculistico – siano più che raddoppiati nel post pandemia.  Lo studio ha preso in esame e messo a confronto i pazienti transitati dagli ambulatori di oftalmologia dell’ospedale San Giuseppe in un periodo antecedente la pandemia da Covid (da gennaio a giugno 2019) con quelli seguiti in un intervallo di tempo di analoga durata ma nel post pandemia (da gennaio a giugno 2023). Su un totale di circa 3.600 persone visitate in entrambi i periodi, i casi di perdita visiva funzionale sono stati 144 nel pre-pandemia contro i 326 del post Covid, con un raddoppio dell’incidenza passata dal 4 al 9%. Sia nel primo che nel secondo periodo, oltre l’80% delle diagnosi riguardava minori. "Se escludiamo quei soggetti che fingono intenzionalmente il sintomo, come i bambini che, per emulare il fratello o il compagno di classe, vorrebbero mettere gli occhiali anche se non ne hanno bisogno, e che il medico ‘smaschera’ facilmente, resta una fetta consistente di pazienti affetti da un disturbo di conversione", spiega Andrea Lembo, medico oftalmologo dell’ospedale San Giuseppe e autore dell’analisi. "Si tratta di una forma di somatizzazione in cui un disagio psicologico viene involontariamente proiettato dal soggetto in un sintomo fisico, un po’ come quei bambini a cui viene il mal di pancia perché sono in ansia per la verifica a scuola. Nel nostro caso – dettaglia – il disagio si manifesta sotto forma di difficoltà visiva, ad esempio nel vedere la lavagna, appannamento, bruciore oculare, cefalea, riduzione del campo visivo e altri disturbi legati alla vista. Riteniamo che l’aumento di questi casi, riscontrato negli ultimi mesi – afferma – possa essere in qualche modo correlato alla pandemia da Covid per i profondi cambiamenti psicosociali che ha portato con sé". La gestione della cecità funzionale – sottolinea una nota – richiede innanzitutto un’anamnesi accurata da parte dello specialista, che dev’essere attento nel cogliere l’eventuale incompatibilità tra i sintomi e la quotidianità riferiti dal paziente (dice di non vedere ma gioca a tennis), e deve cercare di arrivare alla diagnosi senza troppi esami strumentali, volti a escludere altre patologie. "Nel caso dei bambini – evidenzia Lembo – il dialogo con il genitore è fondamentale, per arrivare alla diagnosi e risalire al problema che può essere alla base del disturbo di conversione. In molti ci hanno raccontato che il confinamento dovuto alla pandemia aveva influito sulla psicologia dei propri figli, limitando la loro capacità di interagire e socializzare con i coetanei". In secondo luogo, va valutata con attenzione la risposta terapeutica da dare ai pazienti, che deve basarsi soprattutto sulla loro rassicurazione. "Rassicurare non significa sottovalutare o sminuire quello che ci riferiscono – precisa Lembo – ma aiutarli a individuare strategie efficaci per attenuare i sintomi che lamentano. Intendo suggerimenti anche molto semplici, come guardare 30 secondi fuori dalla finestra per non sovraccaricare l’accomodazione dell’occhio in un videoterminalista, o chiudere gli occhi 5 secondi per farli riposare e capire se le immagini della lavagna tornano nitide, in un bambino in età scolare. Si può arrivare anche a usare l’effetto placebo. Nei pazienti che continuavano a riferire un certo sintomo, soprattutto bambini, nonostante la nostra rassicurazione, prima di procedere con una risonanza magnetica abbiamo provato a dare degli occhiali con lenti neutre. In diversi casi ha funzionato, evidentemente perché il bambino si è sentito in qualche modo protetto".  "Pur essendo la nostra una disciplina estremamente specialistica, non può non riflettere i cambiamenti profondi della società”, aggiunge Paolo Nucci, Senior consultant della University Eye Clinic San Giuseppe e professore ordinario di Oftalmologia presso l’Università degli Studi di Milano. "Oltre al dramma che abbiamo vissuto, la pandemia ha prodotto una serie di conseguenze dirette sulla psicologia di tutti noi. E questi strascichi emotivi stanno producendo effetti anche sulla percezione visiva. In più, già da tempo assistiamo all’affermarsi di modelli che, attraverso i social media, impongono messaggi di perfezione surreale in ogni ambito della vita. I giovani rischiano di sentirsi costretti a conformarsi alle aspettative sociali per essere accettati dagli altri, con inevitabili ripercussioni sulla loro salute mentale. Di fronte a questo scenario – conclude – possiamo ipotizzare che l’incidenza della cecità funzionale nei prossimi anni continuerà a crescere". —[email protected] (Web Info)

Last Updated on 5 Ottobre 2023 by Redazione

antica osteria eventi

Redazione

error: Tutti i diritti riservati