Pomezia: Il M5S condivide con i cittadini gli obiettivi di fine mandato

Pomezia: Il M5S condivide con i cittadini gli obiettivi di fine mandato

Pomezia – Il Consiglio comunale di ieri, 27 agosto, ha testimoniato l’asse dei quattro fuoriusciti dal Movimento 5 Stelle (Piumarta, De Zanni, Mercuri e Conficconi), il Partito Democratico e il resto delle
opposizioni di centrodestra.

“L’hanno fatto prima proteggendo il Consigliere Fucci da una presunta incompatibilità, poi proteggendo
il Pd per non aver mai stanziato i fondi per la Bonifica della Eco-X e infine andando a cancellare i servizi ai quartieri più periferici”
, afferma il M5S Pomezia.

L’Amministrazione comunale ha comunque proposto di portare avanti i lavori già programmati e tutte le opere necessarie per il benessere di Pomezia.

vividental

Quindi, assume massima priorità la gestione dei fondi Pnrr, che hanno tempi di progettazione ed
esecuzione estremamente brevi.

Questi progetti andranno accompagnati da frequenti incontri pubblici per condividere con la cittadinanza ogni dettaglio della Pomezia del futuro, che devono essere demandati ai rappresentanti politici.

Il M5S Pomezia afferma:

“Non possiamo mettere a rischio i nostri obiettivi come l’abbattimento dell’ecomostro di Torvaianica, i lavori del Teatro Comunale, la realizzazione degli oltre 100 milioni di opere pubbliche che questa Amministrazione sta per mettere in cantiere nonché la possibilità di partecipare agli altri bandi del Pnrr che potrebbero portare ulteriori fondi per far crescere Pomezia.

L’unico modo per dimostrare che l’interesse principale è il bene di Pomezia, è quello di continuare a
lavorare in trasparenza, senza dietrologie personali e senza giochi di potere.

Case di riposo Villa Il Sogno e Villa Serena

Noi, come M5s Pomezia, continueremo a lavorare come sempre nell’interesse della Città, portando
avanti il bene comune, insieme al nostro Sindaco Adriano Zuccalà, e rispettando il programma votato
dai cittadini nel 2018.

Queste sono le attività che poniamo alla base di una collaborazione franca con tutte le forze politiche, che vede sul tavolo i temi e non le poltrone. Dovranno essere poi i cittadini a decidere il percorso da seguire nel 2023, non poche persone irresponsabili”.

Tra le proposte del Movimento, ci sono per l’appunto il Teatro Comunale e l’abbattimento dell’ecomostro di piazza Ungheria a Torvaianica.

Ma anche: un progetto di riqualificazione delle periferie urbane, un nuovo servizio di gestione dei rifiuti, il contrasto all’inceneritore di Roma, la richiesta di somme alla Regione e al Ministero per la bonifica Eco-x, e così via.

Condividi

Autore A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: