Nemi: Nuova viabilità e parcheggi a pagamento al lago. Scoppia la polemica

Nemi: Nuova viabilità e parcheggi a pagamento al lago. Scoppia la polemica

Nemi – Il Gruppo consigliare Lista Civica Nemi ha pubblicato un comunicato sulla situazione del lago di Nemi dopo l’istituzione dell’isola pedonale e delle strisce blu.

La nota dice:

“Alleghiamo anche alcune foto che (purtroppo) parlano da sole. Due km a piedi sotto il sole con temperature sopra i 30 gradi.

Non importa se ci sono bambini, persone anziane o disabili che vogliono raggiungere la riva del lago […]

Più che un’isola pedonale della strada del Lago di Nemi è un esperimento fallito e una serie infinita di disagi in piena estate. Mancano parcheggi attrezzati, manca un servizio navetta, manca la sorveglianza ai bagnanti, mancano i servizi igienici.

Ci sono al contempo fazzoletti ed escrementi dovunque e montagne di immondizia a macerare sotto il sole che attirano animali selvatici.

Un Esperimento fallito! Prevedibilmente e miseramente.

La misura dell’isola pedonale e della relativa interdizione al traffico nella Valle del Lago […] ed il divieto di accesso in via del Perino“.

vividental

Una scelta che il Comune di Nemi ha motivato con l’intenzione di “tutelare la vocazione prettamente naturalistica della zona”.

La nota prosegue così:

Va detto subito che noi siamo d’accordo alla chiusura della strada che, per le sue dimensioni, non è in grado di accogliere il traffico presente nei fine settimana […]

Inoltre la “spiaggetta”, all’altezza della vecchia Fiocina […] non ha parcheggi sufficienti per tutti quelli che la fruiscono, così le macchine vengono parcheggiate sulla strada restringendo ulteriormente la carreggiata […] Il tutto facendo salvo il diritto di accesso dei proprietari di terreni e dei titolari di aziende agricole e commerciali.

Quindi la chiusura della strada dovrebbe essere una buona cosa. Eppure adesso non lo è.

Non lo è perché queste azioni vanno fatte dopo una attenta pianificazione e dopo aver posto attenzione a tutti i dettagli. Il lago è meta di svago, di sport all’aria aperta, di passeggiate, di bagni estivi, di contatto con la natura. Nella sua bellezza selvaggia però è completamente lasciato a se stesso e privo di qualsiasi servizio.

La viabilità del Lago va gestita senza improvvisazioni e con professionalità. Non si può a metà fine stagione estiva rivoluzionare tutto un sistema e vedere l’effetto che fa. Semmai in questa fase bisognava accentuare i controlli e l’assistenza ai visitatori.

Case di riposo Villa Il Sogno e Villa Serena

La protezione civile a Nemi servirà a qualcosa? Chiudere la strada così in piena stagione estiva è aumentare solo il disagio.

Chiudere la strada costringendo a parcheggiare prima dell’isola pedonale in stalli a pagamento ricavati dal bordo strada […] senza alcun servizio di trasporto pubblico per raggiungere la spiaggia […] è creare ulteriore disagio.

Chiudere la strada ora e mettere i parcheggi a pagamento sembra solo un’operazione per far cassa senza offrire nulla in cambio.

Eppure ci sono state delle interlocuzioni informali con noi dell’opposizione da parte del sindaco e in quella sede […] i motivi di criticità […] furono evidenziati molto chiaramente.

Sempre in quella sede è stata fatta la proposta di istituire una commissione permanente, composta da maggioranza e opposizione […] Ma quando con Bertucci si parla di regole e metodo, lui semplicemente scompare”.

Non è una strumentalizzazione politica.

Questa volta “le lamentele e le critiche arrivano da tutte le parti, anche da Genzano e altri comuni, visto che proprio i cittadini genzanesi sono tra i più assidui frequentatori del lago”.

Condividi

Autore A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati