Nasce una DMO per il turismo “attorno a Roma”

Nasce una DMO per il turismo “attorno a Roma”

Dalle antiche vie alla transizione ecologica. Così si presenta l’idea della DMO “Around Rome”, la Destination Management Organization ammessa a finanziamento da Regione Lazio nell’ambito dell’avviso pubblico per l’attuazione di interventi a sostegno delle destinazioni turistiche del Lazio, con capofila l’area protetta del Parco dei Castelli Romani in connessione con la Comunità montana, ma anche il Parco Regionale e il Parco Archeologico dell’Appia antica.

Una collaborazione interistituzionale che abbraccia i privati e coinvolge le comunità locali – commenta il Presidente del Parco dei Castelli Romani Gianluigi Peduto – con l’obiettivo di valorizzare il territorio attorno a Roma, con particolare riferimento agli ambiti castellani e prenestini ed alle loro infinite eccellenze”.
Un turismo “diverso”, promettono i costituendi fondatori, capace di fare leva sul patrimonio storico, culturale ed ambientale per guardare al futuro con un forte orientamento alla sostenibilità ed al coinvolgimento degli attori locali: dalle scuole al mondo delle imprese, dei produttori, dei servizi, dell’accoglienza, della ristorazione, delle agenzie di viaggio e dei tour operator, attraverso una cabina di regia unitaria.
“Roma come hub di un territorio ampio – prosegue Peduto – che attraverso la mobilità dolce consente di scoprire e riscoprire i motivi che dall’antichità ai giorni nostri, passando per il Grand Tour, hanno reso quest’area attrattiva e attraente, ma anche piacevole da vivere”.

Mentre prende forma l’idea forte di un corridoio ecologico tra le aree protette – spiega il Direttore Emanuela Angelone – le comunità locali riscoprono i piaceri della prossimità, che induce ritmi di vita orientati alla qualità, in un incontro fecondo tra salvaguardia degli ecosistemi e dei paesaggi e sviluppo, a tutto vantaggio dell’esperienza”.
Infatti, il Consiglio regionale ha dato il via libera alla congiunzione tra i due parchi, elaborando anche una proposta di legge destinata a creare un grande sistema naturalistico archeologico tra Roma e i Castelli. “Il turismo è una vera e propria sfida per le aree protette – prosegue il Direttore – da affrontare per garantire uno sviluppo sostenibile che valorizzi i contesti di pregio e i talenti locali senza lasciare indietro nessuno. Con il finanziamento regionale potremo assicurare alla DMO una rapida fase istitutiva e l’avvio di progetti che guardino ad un orizzonte temporale ampio, accompagnati dalle competenze necessarie”.

In attesa dell’assemblea costituente, il riferimento va al Destination Manager, Federico Massimo Ceschin, di origini veneziane, già attivo nel turismo sostenibile in diverse regioni d’Italia e d’Europa, che ha curato la redazione del piano “Roads to Rome Experience” che andrà a caratterizzare l’attività della DMO “Around Rome”: “Il vero protagonista sarà il partenariato – fa sapere – che è così ampio e plurale da garantire radici solide ad un percorso di sviluppo realmente innovativo ed efficace, con risultati orientati al lungo periodo”.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati