Marino, prima settimana dei centri estivi comunali all’insegna dell’integrazione

Marino, prima settimana dei centri estivi comunali all’insegna dell’integrazione

Marino – “Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità, vengano a impregnarlo dei loro colori. (Fabrizio Caramagna)

La frase dell’autore Fabrizio Caramagna anche noto come “ricercatore di meraviglie” è stata scelta in quanto espressione della volontà di questa Amministrazione di rendere omaggio ai bambini ed ai ragazzi del territorio attraverso la costituzione dei Centri Estivi comunali che in questi giorni vedono la partecipazione dei nostri ragazzi.

giugno

Compresa la difficoltà che ha caratterizzato quest’anno scolastico, reso ancor più complesso dalle restrizioni Covid – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali Barbara Cerroabbiamo cercato, non senza difficoltà, uno strumento che potesse “unire” attraverso attività ludiche e defaticanti i nostri ragazzi.”

“Mettendo in azione esperienze di condivisione, e nello stesso tempo garantendo alle famiglie spazi sicuri e personale qualificato a cui affidare i propri figli nel periodo immediatamente successivo a quello scolastico.”

Per questo motivo, dopo anni di assenza, sono stati riattivati quest’anno i centri estivi da parte dell’Amministrazione Comunale di Marino, gestiti dalla partecipata Multiservizi dei Castelli di Marino Spa dove opera il personale scolastico delle mense e delle operatrici educatrici culturali”.

L’attivazione dei 3 Centri Estivi comunali nelle tre località del Comune: Marino Centro, Santa Maria delle Mole e Castelluccia-Frattocchie nasce al fine di integrare ed includere i minori diversamente abili, per agevolare e sostenere i genitori e garantire anche attraverso le nostre AEC, che già operano durante l’anno scolastico nelle nostre scuole, un servizio professionale e qualificato.

Seppur consapevoli che la sfida fosse ardua, l’abbiamo accettata, convinti del valore dell’impresa, ovvero quella di voler creare un luogo di comunione e di valori, primo fra tutti il superamento delle fragilità e delle disuguaglianze.

Le Consigliere di maggioranza Barbara Gentile e Simonetta Atzeni che hanno voluto, proposto e creduto fortemente in questo progetto, affermano: “Le nostre bambine ed i nostri bambini a scuola sono abituati ad un continuo confronto sia tra pari sia con gli adulti di riferimento.”

Nei centri estivi, invece, hanno la possibilità di mettere in gioco le competenze cognitive relazionali acquisite nel percorso scolastico e di integrarle in attività ludiche e di movimento in un ambiente a loro noto, ma trasformato in ambiente totalmente ludico, in un continuo scambio relazionale.”

Conclude l’Assessore alle Politiche Sociali Barbara Cerro affermando che “Gli svaghi nel periodo estivo per i nostri bambini e ragazzi come quelli per le persone della terza età rappresentano quegli obiettivi di BEN ESSERE da realizzare, se vogliamo come comunità educante offrire, curare e preservare la salute e l’integrità psicofisica dei nostri cittadini”.

Condividi

Autore 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati