Marino, Colizza: “Rigenerazione urbana grazie al Recovery Fund”

Marino, Colizza: “Rigenerazione urbana grazie al Recovery Fund”

Marino – Riportiamo di seguito la nota del Sindaco Carlo Colizza in riferimento all’imponente progetto di Rigenerazione Urbana che potrà essere sostenuto dai fondi provenienti dal Recovery Fund.

“Siamo stati tra i primi comuni italiani ad aver presentato la domanda per usufruire del finanziamento di 5 milioni di euro per la riqualificazione urbana promosso dal Ministero dell’Interno e finanziato con la prima tranche del Recovery Fund”.

giugno

Nel dettaglio abbiamo chiesto:

  • € 1.900.000 Riqualificare l’ex Mattatoio comunale, renderlo un luogo fruibile per cittadini dedicato all’arte, alla cultura ed alla socialità;
  • € 2.200.000 per opere di consolidamento del versante tra l’ex Mercato coperto e la stazione prevedendo la riqualificazione dei muri di contenimento, l’ampliamento della rete viaria esistente per dare la possibilità di raggiungere il centro storico con la creazione di nuovi parcheggi dotati di collegamenti pedonali automatizzati;
  • € 500.000 per la realizzazione del secondo tratto della pista ciclabile tra Parco della Pace e Parco Sassone, necessaria anche per riqualificare le aree adiacenti a Via Appia Vecchia Sede;
  • € 280.000 per la riqualificazione di Piazzale degli Eroi;
  • € 100.000 per la riqualificazione della biblioteca comunale di Villa Desideri.
  • Non solo, abbiamo presentato la domanda per veder finanziato – tramite il bando promosso dal Ministero dell’Interno e dedicato alla scuola dell’infanzia – la completa riqualificazione dell’Asilo Monsignor Grassi, per € 700.000 ed ulteriori € 300.000 per la realizzazione di un micro nido nella Villa in località Due Santi confiscata alla Mafia Cinese ed assegnata a questo Comune.

“Queste idee progettuali sono state approvate e deliberate dalla Giunta nel mese di maggio, passi reali che rendono concreta ed attuale l’idea di sviluppo della nostra Città”.

“Condividiamo il Futuro!”

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati