Labico, morto dopo tre giorni il trentatreenne investito sulla Casilina

Labico, morto dopo tre giorni il trentatreenne investito sulla Casilina

Labico – Dopo alcuni giorni di agonia all’ospedale Policlinico Umberto Primo di Roma, è morto nella serata di ieri Daniele Iammartino. Il 33enne, originario di Artena e papà di una bimba piccola, era stato investito lunedì scorso all’incrocio tra via Guglielmo Fioramonti e via Casilina, proprio davanti alla stazione ferroviaria di Labico, poco dopo le 5:30 del mattino. I traumi riportati dal ragazzo, che si era trasferito da qualche mese ad Artena nel piccolo centro casilino, sono apparsi subito gravi. Aveva trovato una villetta nella zona di Santa Maria, proprio vicino alla stazione ferroviaria, dove si recava ogni mattina per prendere il treno per Roma per andare a lavorare, come faceva tutte le mattine.

L’incidente di lunedì mattina è stato fatale per lui, nonostante la corsa in ospedale a Colleferro e poi il trasferimento al policlinico romano. La macchina che lo ha investito mentre attraversava la strada era guidata da un 38enne del posto, ora indagato per omicidio stradale. I rilievi sono stati svolti dai carabinieri della compagnia di Colleferro, che hanno posto sotto sequestro l’autovettura. Dalle videocamere di sorveglianza poste all’ingresso della stazione ferroviaria potrebbero emergere ulteriori dettagli del tragico investimento.

Domani sera, dalle 20:00, in Piazza del Mercato a Labico, si terrà una veglia di preghiera organizzata dai familiari e amici di Daniele Iammartino, come ha scritto il sindaco Giovannoli sulla sua pagina social.

QUI per leggere altre INFO simili – QUI per consultare la nostra pagina Facebook

Last Updated on 6 Giugno 2024 by Redazione 2

Redazione 2

error: Tutti i diritti riservati