Intervista a Cosimo Schena: sta spopolando su Spotify con “Ti ho trovato”

Intervista a Cosimo Schena: sta spopolando su Spotify con “Ti ho trovato”

Sta spopolando sul web il “Poeta dell’amore”, chiamato così da tutti quelli che hanno letto o ascoltato le sue poesie in musica, che su Spotify contano più di 2.000.000 di streams.

Da pochi giorni, finalmente, è uscita “Ti ho trovato” di Cosimo Schena, prete, filosofo, scrittore e poeta.

Conosciuto da tutti come “Mino”, nasce a Brindisi nel 1979 e nel 1998 intraprende gli studi di Ingegneria Informatica.

Nel 2001 l’amore verso Dio gli fa comprendere che deve dare una svolta nella sua vita, così inizia il cammino verso il sacerdozio e nel 2009 viene ordinato presbitero.

L’amore per la filosofia e quello per la scrittura lo porteranno a continuare gli studi, laureandosi in Filosofia prima presso l’Università di Tor Vergata e poi presso l’Università di Verona.

Attualmente è dottorando di ricerca in Filosofia presso la Pontificia Università Lateranense, dove sta approfondendo il tema del totalitarismo e del misticismo in Simone Weil.

Svolge il suo ministero pastorale a Mesagne (BR) e nella formazione scout come assistente.

Con Diogene Multimedia ha pubblicato nel 2016 “La croce è la nostra patria. Simone Weil e l’enigma della croce” e nel 2017 “L’essere persona. Lo stato limite della persona?”.

Con Asterios ha pubblicato nel 2017 “Simone Weil e la questione gnostica” e con Pagine, nello stesso anno, ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie “Ispirazioni”.

Nel 2018 ha pubblicato le raccolte di poesie “Sussurri”, “Sussurri di un’anima” e “Soffio verso il cielo”.

Nel 2019 pubblica, con Bertoni Editore, la sua ultima raccolta di poesie “Impronte di Cuore”.

Nell’ultimo anno ha pubblicato le sue poesie in formato audio interpretate personalmente. Le sue parole arrivano dritte al cuore e s’intrecciano con le bellissime musiche che accompagnano la sua interpretazione.

Attualmente sta lavorando a un nuovo progetto in collaborazione con diversi musicisti nazionali e internazionali, “innamorati dal suo timbro unico e inconfondibile”.

Don Cosimo utilizza il ricavato delle sue pubblicazioni per aiutare famiglie bisognose.

Questi i riferimenti web per seguire le sue attività:
https://song.link/it/i/1479804397
https://open.spotify.com/album/1hhXIlbmw61kX0A3y3XPOO?si=9k9k0M9qS6G5omiQnJcC
https://www.instagram.com/cosimoschena_pretepoeta

Don Cosimo, cosa ti ha spinto a prendere i voti, in un momento storico così confuso?
Penso che non ci sia un momento storico più adatto di altri per intraprendere la vita sacerdotale. D’altronde, ogni periodo storico ha le sue luci e le sue ombre e in ogni tempo Dio non ha mancato di far sentire la sua voce“.

Come riesci a coniugare la tua vita artistica con l’impegno ecclesiastico?
Non mi sento un’artista. Traduco emozioni e sentimenti in parole e versi che possono toccare il cuore“.

Come nasce l’idea di mettere in musica le tue poesie? Ce ne vuoi parlare?
Sono partito con la consapevolezza che oggi, per raggiungere un maggior numero di persone, è necessario usare le piattaforme digitali. Se è vero che c’è tanto bisogno di poesia e bellezza, è vero anche che c’è pigrizia nello sfogliare un libro tradizionale. La musica, poi, aggiunge alle parole accenti capaci di pizzicare le corde dell’anima“.

Qualcos’altro di cui vuoi parlare e che non ti ho chiesto?
Poiché manca poco al Natale, mi piace fissare lo sguardo verso questo tempo, segnato da tante luci che spesso, però, distolgono dalla sua paradossale verità. Cioè, lo spreco che è proprio di questo tempo contraddice il messaggio povero e gioioso che giunge dalla grotta di Betlemme. Impariamo a recuperare il gusto dell’essenziale“.

Dott.ssa Fulvia Di iulio

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati