Grottaferrata, addio al prof Faroni: un minuto di silenzio in Consiglio Comunale

Grottaferrata, addio al prof Faroni: un minuto di silenzio in Consiglio Comunale

Grottaferrata – Si è spento nel pomeriggio di oggi a Grottaferrata, il professor Delfo Galileo Faroni, fondatore dell’INI e decano della Medicina italiana.

La notizia è stata comunicata dal sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti nel corso della odierna seduta del Consiglio comunale che ha reso omaggio al professore con un minuto di silenzio e il proposito per il prossimo futuro di rendere all’illustre medico l’omaggio dell’intera comunità cittadina.

Nato a Roma, l’8 agosto 1920, laurea in Medicina, reumatologo sulle orme dello zio, Tommaso Lucherini. Allievo prediletto del professor Nicola Pende, con lui si avventura nei misteri dell’endocrinologia.

Diventerà un grande medico, consultato per due pontefici malati, Pio XII e Giovanni XXIII, convocato a Doha dall’Emiro del Qatar per farsi visitare. Lo ammira, divenendone amica, il Nobel Levi Montalcini.

Nel 1947 a Roma fonda l’Ini, in uno studio medico specializzato in reumatologia e terapia fisica in via Torino a Roma il suo disegno più ambizioso: la creazione di strutture sanitarie.  A livello nazionale e universitario. Nascono Centri di eccellenza a Roma, Grottaferrata, Tivoli, Canistro, Veroli, Guidonia, Fonte Nuova.  All’avanguardia perché il Professore intuisce il ruolo della tecnologia: la Roentgenterapia, il litotritore per la calcolosi renale e la prima RMN. Senza mai dimenticare l’uomo. Ed ecco la rivoluzione: “la struttura aperta”.  Nei Centri INI, il paziente non è un numero ma un soggetto attivo.

Nel 2017, in occasione del settimo decennale della fondazione, INI è stato pubblicamente celebrato dall’allora ministra della Salute, Beatrice Lorenzin e dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

A luglio del 2020, in occasione dei suoi cento anni, il professor Faroni fu fatto omaggiato con un particolare riconoscimento da parte dell’Ordine dei Medici.

Filantropo, appassionato di cultura, teatro, giornalismo, grazie al quale si rese autore di numerosi articoli di divulgazione scientifica. E’ ricordato anche nel mondo dell’imprenditoria per aver messo in commercio il marchio dell’acqua naturale Santa Croce che sgorga dalla fonte di Canistro in Abruzzo, ideale per chi ha problemi di reni.

Dagli anni della Seconda Guerra Mondiale è rimasto sempre particolarmente vicino alla Comunità Ebraica di Roma dopo essere riuscito a salvare la vita ad alcuni detenuti ebrei durante l’occupazione nazifascista.

La camera ardente è allestita presso lo studio del Professore all’INI di Grottaferrata dalle 16.00 alle 21.00 di oggi, 28 ottobre. Domani, venerdì 29 ottobre, resterà aperta dalle 8.00 alle 11.00 e alle 12.00, nel piazzale della clinica, si terrà la cerimonia di commemorazione.

A tutta la famiglia Faroni, alla moglie Nadia, ai figli Christopher e Jessica la vicinanza dell’intera Amministrazione comunale di Grottaferrata.

Condividi

Autore 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati