Genzano, consegnati 4 encomi ai due poliziotti e ai due agenti della Polizia Locale che tirarono fuori anziano da casa in fiamme

Genzano, consegnati 4 encomi ai due poliziotti e ai due agenti della Polizia Locale che tirarono fuori anziano da casa in fiamme

Genzano- Sono stati consegnati oggi pomeriggio alle 15 in aula comunale consigliare alla presenza del sindaco Carlo Zoccolotti, del comandante della Polizia Locale tenente Gianfranco Silvestri e della dirigente del commissariato di polizia vice questore Monica Dell’Apa; gli encomi di servizio per il gesto altruistico ed eroico che fecero circa un mese fa, nell’entrare nell’appartamento in fiamme di un anziano in via 25 aprile, in pieno centro a Genzano salvandolo dal morire arso dal fuoco.

Fabio Martella

Così oggi sono stati consegnati con i ringraziamenti di tutta l’amministrazione comunale dal primo cittadino gli encomi a gli assistenti capo coordinatori della polizia di stato di Genzano Carlo Tardioli e Antonio Raucci e agli agenti Gianfranco Ramaglia e Marco Becherini della Polizia Locale genzanese.

L’uomo salvato dalle fiamme della sua abitazione al piano terra fu trasportato in elisoccorso al Sant’Eugenio ed i 4 agenti rimasero anche intossicati durante l’intervento.

L’ottantenne Serafino Corradetti che viveva solo in casa, è venuto a mancare poi alcuni giorni fa per le gravi ustioni su gran parte del corpo e per aver inalato per alcuni minuti i fumi tossici del rogo innescato da un corto circuito violento e repentino.

Furono poi i vigili del fuoco di Velletri e Nemi arrivati dopo pochi minuti a bonificare l’incendio della casa. In sostanza, grazie al pronto intervento dei due agenti della Polizia Locale e dei 2 colleghi della Polizia di Stato, i primi ad arrivare, in quanto erano nelle pertinenze della strada di pattuglia, fu anche evacuato il palazzo e alcune famiglie e persone sole si salvarono dalle fiamme molto alte e dal fumo tossico e intenso che avvolgeva la palazzina all’angolo di via Orlando Ferrazza in pieno centro.

Condividi

Autore 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati