Frascati: Notte Europea dei ricercatori, cosa fare il 20 settembre

Frascati: Notte Europea dei ricercatori, cosa fare il 20 settembre

Frascati- Secondo giorno a Frascati e in tutta Italia per il progetto LEAF ( “heaL thE plAnet’s Future”, cura il futuro del pianeta). Siamo nella settimana Europea dei Ricercatori che culminerà venerdì nella Notte Europea dei ricercatori e delle ricercatrici.
Nel cuore di Frascati, al Mercato Coperto, è l’occasione di conoscere tutti i segreti della botanica. Adattamenti, interazioni, “spostamenti”. Altro che “vegetare”, il mondo vegetale è super attivo e con Espressionismo Verde verrà svelato.
Mentre per chi preferisce le onde del mare, il mercato coperto offre Bycatch…by night! Laboratorio tattile di biologia marina. Una lezione sul blu, con animali vivi da toccare!

Alle Scuderie Aldobrandini, al mattino, gli amanti della chimica troveranno esperimenti coinvolgenti con Molecole & Co. Una lezione-spettacolo di chimica a cura dei divulgatori scientifici di LUDIS.
Mentre alle Scuderie, ESA (l’agenzia spaziale europea) vi parla della Terra con Earth in a Bubble G.Eco, sempre alle Scuderie vi porta nel suo immersivo laboratorio gigante, Terra! Il pianeta del tesoro!
Il segreto di Ada… si proprio lei, Ada Lovelace Byron, matematica inglese figlia del poeta Lord Byron e prima informatica dell’era moderna. A cura di Claudia Bianchi, Associazione Logon, l’appuntamento è alle 17, al Mercato Coperto.
Tutte le fake news sugli animali vi aspettano sempre al Mercato coperto di Frascati con Bufale Bestiali – Perché gli animali non sono quelli che crediamo. Ci sarà proprio l’autore del libro, Graziano Ciocca, biologo e divulgatore scientifico, assieme all’illustratore Lorenzo De Felici, che realizzerà un disegno a tema in tempo reale.

Ad Ariccia invece, c’è la PASSEGGIATA NATURALISTICO SCIENTIFICA AL PARCO CHIGIUn tempo il parco era una riserva di caccia e oggi è paradiso di biodiversità.
Continua anche oggi la mostra nella ex riserva di caccia e oggi Parco. La flora e la fauna incredibile si mostra per voi in BIODIVERSITÀ ANTICA E MODERNA, TRA GIARDINO VOLTERRA E PARCO CHIGI. Ventotto ettari, non custodisce solo piante ma anche reperti archeologici e manufatti del diciassettesimo secolo. Il Villino Volterra del grande matematico è un orgoglio di Ariccia e se siete della zona non potete perdervelo. Si tratta di un raro esempio di giardino privato d’inizio Novecento.

Parlando sempre di sostenibilità, c’è un mezzo che sta prendendo “piede” tra le varie città italiane per andare a scuola ed è il Pedibus. Anche Ariccia lo propone con una visita AL CENTRO STORICO DI ARICCIA CON IL PEDIBUSIn piazza di Corte, pronti per “salire a bordo” su un autobus che va a Piedi?

grafiche settembre

Per chi a Nemi vuole approfondire l’archeologia la proposta “classica” sull’Antica Roma è Alla scoperta delle navi di Caligola. Assieme al gruppo archeologico G.A.A.LN.A. in collaborazione con il Comune di Nemi svolgerà una visita guidata al Museo delle Navi Romane. Avrete l’occasione di scoprire le più grandi navi romane mai rinvenute e in esposizione ci sono i marmi, i bronzi e le terrecotte che le decoravano.

Volete fare una passeggiata accompagnati da musica? I Vicoli del borgo di Nemi con “Nemi: storia e tradizioni”  si vestono di festa, e la visita storica sarà immersiva e suggestiva con le danze del gruppo “Terra Nemorense”. Il gusto delle famose fragoline di Nemi, protagoniste di varie ricette locali, come le tartine con crema e fragole ed il caratteristico liquore fragolino, saranno la ricompensa delle vostre fatiche della camminata.

Il viaggio tra tradizione ed innovazione è la mostra di Nemi per questa settimana scientifica. All’interno dell’androne di Palazzo Ruspoli, una mostra per parlare del tema del viaggio dal Grand Tour ai tempi moderni, attraverso i luoghi più suggestivi dei Castelli Romani. Tra le curiosità che attendono i visitatori c’è la biocarrozza prodotta dal polo di ricerca della Sapienza Pomos

Climate Change: a youth road map. È quello che attende Grottaferrata a Villa Cavalletti. Giovani e giovanissimi assieme ad esperti. Parlare di clima in una tavola rotonda finalizzando degli obiettivi. È il lavoro che ha imbastito Giornalisti nell’Erba che da sempre punta a dar voce a chi di solito sulla questione non viene chiamato in causa: le nuove generazioni, le vittime ambientali delle scelte delle generazioni precedenti.



Condividi

Chiara Bocci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati