Frascati DOC, sventati due furti nelle aziende vinicole

Frascati DOC, sventati due furti nelle aziende vinicole

Ieri sera intorno alle 20.20 presso due aziende vinicole del Frascati DOC sono state sventate due rapine proprio mentre il Presidente del Consorzio di Tutela Felice Gasperini era dai Carabinieri.

Nella Tenuta di Pietra Porzia sono stati individuati, grazie alle telecamere, tre individui incappucciati che tentavano di derubare l’agriturismo. Una volta scoperti, i tre delinquenti sono scappati, recandosi nell’azienda confinante di Luigi De Sanctis, dove hanno tentato di rubare un trattore.

Il tutto è avvenuto lo stesso giorno in cui il Presidente Felice Gasperini, accompagnato dal Consigliere Oreste Molinari, si sono recati alla caserma dell’Arma dei Carabinieri, dove hanno incontrato il Tenente Col. Salvatore Sauco per sensibilizzare l’Arma sui ripetuti tentativi di intrusione, danneggiamento e furto che stanno subendo le aziende vinicole in questo periodo.

«La risposta dei Carabinieri è stata immediata e massiccia. Sono intervenuti con grande prontezza con 6 pattuglie e hanno cercato i tre nei campi e nei fossi per oltre un’ora. Sebbene non abbiano potuto rintracciarli, hanno fatto capire che il territorio è presidiato» afferma il Presidente Gasperini.

«Li ringrazio a nome del Consorzio. Nei giorni scorsi avevamo incontrato anche la dott.ssa Alison Arcoraci, Capo Commissario della Polizia di Stato di Frascati, che ha assicurato uguale attenzione e supporto per interrompere la sequenza di furti che da alcuni mesi subiscono le aziende. Episodi che si sono intensificati con l’arrivo della pandemia e del lockdown, facendo registrare un incremento significativo in queste ultime settimane» termina Gasperini.

Nei giorni scorsi, inoltre, il Presidente Gasperini e il Consigliere Molinari avevano incontrato, in video conferenza, i responsabili territoriali della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, ma anche le Amministrazioni Comunali di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone. Erano presenti anche il delegato del Sindaco di Grottaferrata Gianluca Paolucci, il Delegato all’Agricoltura di Frascati Basilio Ventura e la Consigliera con delega al Turismo di Monte Porzio Catone Francesca Valdambrini.

Al termine della riunione, il Presindente Gasperini, ha portato un saluto il Sindaco Luciano Andreotti, proponendo di realizzare un coordinamento tra gli enti del Frascati Doc, con capofila il Consorzio di Tutela Denominazioni Vini, per mettere in sicurezza i territori anche sul fronte del decoro urbano, impedendo la formazione di discariche abusive, in modo da valorizzare gli areali del Frascati.

«È fondamentale aiutare le Forze dell’Ordine nelle operazioni di indagine denunciando ogni violazione, anche se minima» – conclude il Presidente Felice Gasperini – «Su questo come Consorzio sensibilizzeremo tutti i produttori, piccoli e grandi. Sono convinto infatti che si possa smantellare questo fenomeno, affidandoci alle indicazioni che ci hanno fornito Polizia e Carabinieri. Una delle quali è appunto quella di denunciare sempre ogni intrusione in modo da mettere in luce i comportamenti, le abitudini e gli orari, quando possibile, di questi “signori”. Più dati avranno e più facilmente potranno elaborare strategie di risposta. Ringrazio i Sindaci di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone, la dott.ssa Alison Arcoraci e il Tenente Col. Salvatore Sauco per aver preso in seria considerazione il problema».

Dalle riunioni di questi giorni è emersa la necessità di avviare un percorso comune per il reperimento di fondi e contributi per l’installazione di fototrappole nelle aziende vinicole, che consentirebbero di presidiare meglio i punti critici e di risalire agli autori dei furti.

Ogni furto, piccolo o grande che sia, danneggia doppiamente chi lo subisce: oltre alla sottrazione del materiale, ritarda il lavoro programmato nei vigneti o in cantina, producendo così una perdita economica aggiuntiva.

Importante dotare di allarmi satellitari e di Gps i macchinari agricoli più costosi; mentre le aziende dovrebbero installare sistemi di allarme sonori, che hanno un forte impatto deterrente sulla microcriminalità.

Condividi

Flavia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *