Discarica Roncigliano, inviata dal PSI interrogazione alla sindaca di Roma

Discarica Roncigliano, inviata dal PSI interrogazione alla sindaca di Roma

Roma – Il partito socialista italiano in data 6 Agosto ha inviato un’ interrogazione scritta alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, in merito alla situazione del conferimento dei rifiuti alla discarica di Albano.

Riportiamo di seguito quanto scritto nella lettera firmata dalla consigliera Cristina Grancio:

PREMESSO CHE:

  • In data 14/07/2021 è stata emessa una ordinanza a sua firma, per il conferimento di rifiuti codice EER 191212 (altri rifiuti, compresi materiali misti) ed EER 190503 (compost fuori specifica);

Detta ordinanza prevede uno smaltimento di rifiuti pari a 1.100 t/giorno;

Secondo la stessa ordinanza, il Sito indicato risulta essere il “VII Invaso” discarica SITA NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM), LOC. CECCHINA (RONCIGLIANO), VIA ARDEATINA KM. 24,640;

Il periodo per il quale i rifiuti saranno smaltiti presso l’impianto sopra citato, sarà pari a 180 giorni;

La zona dove è situata la discarica risulta essere residenziale, nel quale sono presenti circa 500 abitanti, e dove, tra l’altro, è situato il famoso Villaggio Ardeatino, così definito proprio per l’alta densità di popolazione (rapportata chiaramente alla zona) ivi presente;

La zona residenziale, ai fini dello smaltimento dei rifiuti, risulta essere la meno indicata e idonea, sia per la normativa in vigore sul tema, ma soprattutto per una questione di rispetto per i cittadini che vi abitano, ormai da qualche giorno costretti a respirare odori nauseabondi dei rifiuti smaltiti.

Per tutto quanto sopra premesso, la sottoscritta Consigliera della Città Metropolitana interroga la Sindaca e la Giunta per sapere:

  • Quale soluzione si intende applicare nell’immediato, per far sì che gli abitanti abbiano delle risposte chiare sul futuro del loro vivere tranquilli, senza preoccupazioni per la loro salute.
  • Se si intende rispettare il limite temporale di 180 giorni previsto per lo smaltimento dei rifiuti senza pertanto ricorrere a deroghe.
  • Se sono state già individuate soluzioni successiva a tale termine o, ancora meglio, prima di tale periodo di 180 giorni
Condividi

Autore 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati