Dieta dei gruppi sanguigni, sì o no? Cosa dicono gli esperti

Dieta dei gruppi sanguigni, sì o no? Cosa dicono gli esperti

(Adnkronos) – Dimmi che sangue hai e ti dirò cosa mangiare. Su questa teoria il naturopata americano Peter D'Adamo ci ha costruito una carriera. I suoi libri negli anni hanno fatto proseliti: gli adepti della dieta dei gruppi sanguigni, appunto, che scelgono i cibi 'secondo genetica'. Fanno bene? "In un'epoca in cui il concetto di personalizzazione ha guadagnato terreno in molti aspetti della vita, dall'abbigliamento alla medicina", lo schema proposto da D'Adamo "ha offerto una promessa attraente di nutrizione personalizzata basata su un fondamento biologico apparentemente scientifico". Ma per chi si domanda se ci siano evidenze a conferma di questa affermazione, "a oggi la risposta è no". Lo spiegano i medici anti-fake news del portale 'Dottore, ma è vero che…?', curato dalla Fnomceo. "La teoria alla base della dieta dei gruppi sanguigni – ricordano i dottori anti-bufale – parte dalla premessa che il sistema di classificazione del sangue nei gruppi A, B, AB e 0 riflette la storia dell'alimentazione umana e sostiene che i benefici per la salute derivanti dall'alimentazione sarebbero influenzati dal gruppo sanguigno di appartenenza". Come? "Gli individui 0 sono considerati i 'cacciatori'", geneticamente predisposti a "seguire un'alimentazione ricca di proteine animali, perché lo 0 sarebbe stato il gruppo sanguigno più comune fra i primi esseri umani, che vivevano come cacciatori e raccoglitori e si nutrivano prevalentemente di carne". Le persone con gruppo A sarebbero invece "gli 'agricoltori', perché la comparsa di questo gruppo sarebbe coincisa con la nascita dell'agricoltura", e "godrebbero di una salute ottimale se seguissero un regime alimentare a base di cibi di origine vegetale e privo di carne". Quanto al gruppo B, è quello dei 'nomadi', che come tali dovrebbero mangiare "il meglio del regno animale e vegetale" e sarebbero "gli unici a tollerare latte e latticini". Per il gruppo AB infine, indicato come "l''enigma', le raccomandazioni alimentari sarebbero una via di mezzo fra quelle del gruppo A e quelle del gruppo B". C'è da crederci? "La dieta dei gruppi sanguigni ha avuto molto successo – prosegue l'analisi della Federazione nazionale Ordini dei medici – nonostante la comunità medico-scientifica abbia espresso pareri fortemente contrari al riguardo. Come ha concluso una revisione della letteratura scientifica, pubblicata nel 2013 sulla rivista 'American Journal of Clinical Nutrition', nessuno studio scientifico ha mai dimostrato che i gruppi sanguigni siano comparsi in seguito all'evoluzione di nuovi stili alimentari, né che siano in grado di influenzare gli effetti sulla salute di un certo tipo di dieta". Per gli autori della review servono "ulteriori studi che, all'interno di un determinato gruppo sanguigno, permettano di confrontare i presunti benefici della dieta dei gruppi sanguigni con quelli di un regime alimentare standard". Nessuno dei lavori esaminati, infatti, includeva un gruppo di controllo. Ma se la dieta dei gruppi sanguigni è scientificamente inattendibile, allora perché molte persone che la seguono dicono di sentirsi meglio? Per i medici anti-fake news dipende dal fatto che "i 4 regimi alimentari consigliati ai diversi gruppi soddisfano, in linea di massima, i principi e le regole di un'alimentazione sana". Fra l'altro, "spesso chi decide di seguire la dieta dei gruppi sanguigni modifica la propria alimentazione in senso positivo: predilige cereali integrali, rinuncia ad alimenti ultra processati e ricchi di zuccheri semplici e incrementa il consumo di frutta e verdura. Ma le ricadute positive di queste scelte – puntualizzano gli esperti – sono indipendenti dal gruppo sanguigno". "Uno studio pubblicato nel 2014 sulle pagine di 'Plos One' – chiariscono i dottori anti-bufale – ha preso in esame circa 1.500 persone, dimostrando che una dieta ricca di vegetali, come quella consigliata al gruppo A, riduce i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, la pressione sanguigna e altri fattori di rischio cardiovascolari, anche se a seguire questa dieta sono persone che appartengono ai gruppi B, AB o 0". Non solo: dallo studio emerge inoltre che "anche le diete consigliate al gruppo 0 e al gruppo AB influenzano positivamente alcuni di questi parametri, a prescindere dal gruppo sanguigno di appartenenza". E "anche due studi clinici randomizzati che hanno coinvolto adulti in sovrappeso sono arrivati alle stesse conclusioni: una dieta ricca di frutta e verdura fa bene alla salute, senza che ci sia un legame con il gruppo sanguigno". Ci sono controindicazioni per chi vorrà comunque sposare le tesi di D'Adamo? "Come avverte la Harvard Medical School – osservano i medici di 'Dottore, ma è vero che…?' – seguire un regime alimentare sulla base del proprio gruppo sanguigno potrebbe portare a scelte alimentari restrittive o interferire pesantemente con alcuni valori personali. Per esempio, chi appartiene al gruppo 0 e segue un'alimentazione vegetariana o vegana potrebbe trovarsi in difficoltà sapendo di dover consumare quantitativi elevati di carne e proteine animali per mantenersi in salute. Inoltre, la dieta dei gruppi sanguigni non si limita a raccomandazioni strettamente alimentari, ma dà una serie di consigli che riguardano anche il consumo di integratori, erbe e probiotici", nonché "la scelta di quale sia l'attività fisica più adatta a ciascun gruppo sanguigno. Il rischio, in questo caso – concludono gli esperti – è di spendere soldi inutilmente o, peggio, di seguire raccomandazioni che, in presenza di particolari condizioni di salute, col tempo potrebbero rivelarsi dannose". —[email protected] (Web Info)

Last Updated on 3 Aprile 2024 by Redazione

antica osteria eventi

Redazione

error: Tutti i diritti riservati