Castelli Romani, Sindacati: accordi con Comuni di Genzano e Marino su Pnrr per lo sviluppo del territorio

Castelli Romani, Sindacati: accordi con Comuni di Genzano e Marino su Pnrr per lo sviluppo del territorio

Genzano e Marino – La Cgil Roma Sud Pomezia Castelli, Cisl Roma Capitale Rieti, Uil Lazio hanno firmato un protocollo con il sindaco del Comune di Genzano di Roma, Carlo Zoccolotti e un protocollo con il vicesindaco del Comune di Marino, Sabrina Minucci, per la partecipazione e il sostegno alle misure del Pnrr che stanno interessando il territorio.

GRAFICHE SETTEMBRE 2022

Così, in una nota, Cgil Roma Sud Pomezia Castelli, Cisl Roma Capitale Rieti, Uil Lazio. “I protocolli, in attuazione a quanto già sottoscritto a livello nazionale con la presidenza del Consiglio dei ministri il 23 dicembre 2021 e la delibera della Regione Lazio del 3 febbraio, intendono rafforzare i processi di partecipazione, monitoraggio e verifica delle organizzazioni sindacali sull’insieme delle misure progettate per rilanciare il territorio riducendo disuguaglianze territoriali, sociali e di genere – si legge in una nota dei sindacati -. Le parti si impegnano a condividere il percorso di partecipazione nel rispetto dei propri ruoli e della propria rappresentanze”:

Pertanto si istituisce una cabina di regia permanente “per il monitoraggio, la verifica dell’attuazione dei progetti e degli interventi, le ricadute in termini di sviluppo del territorio e di risposta ai bisogni crescenti, le ricadute dirette sulle condizioni di lavoro e sull’occupazione con particolare attenzione alle donne e ai giovani – continua la nota dei sindacati -.

Nell’ambito della Cabina di Regia le parti sottoscrivono specifico accordo in materia di ‘legalità, trasparenza e sicurezza sul lavoro’. Tenuto conto dell’importanza della partecipazione responsabile e concreta avviano da subito il confronto sia per singole Missioni, sia per interventi integrati trasversali, sia settoriali e individuano un primo calendario di incontri.

Per i tavoli di settore l’amministrazione individua i propri referenti e le organizzazioni sindacali confederali si riservano di coinvolgere le categorie interessate nei tavoli progettuali, di verifica e monitoraggio, tenuto conto delle specificità in materia di settore produttivo. In un momento di così grandi difficoltà per le famiglie, lavoratori e pensionati, assume rilevanza strategica la condivisione con le Parti Sociali del processo di sviluppo del territorio nel segno della coesione sociale”, concludono i sindacati.

Condividi

AutoreL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati