Castelli Romani, oggi la notte di San Lorenzo, le curiosità e i migliori belvedere per guardare il cielo stellato

Castelli Romani, oggi la notte di San Lorenzo, le curiosità e i migliori belvedere per guardare il cielo stellato

Castelli Romani – Dieci agosto, San Lorenzo, la notte in cui si esprimono desideri e si va a caccia di stelle cadenti. Un fenomeno naturale che ha da sempre il suo fascino per gli innamorati e fonte d’ispirazione per gli scrittori poeti. In questo giorno, nel 1867, il papà dell’allora dodicenne Giovanni Pascoli veniva ucciso in circostanze misteriose, sconvolgendo la vita del ragazzo, il quale dedicherà al padre, nel 1896, X Agosto, meravigliosa poesia contenuta all’interno della raccolta Myricae.

Ma cosa sono quelle affascinanti scie luminose? Sono veramente stelle cadenti o le lacrime di San Lorenzo? In realtà si tratta della pioggia delle Perseidi, ovvero meteore, piccoli frammenti di corpi celesti che, a grande velocità, a contatto con l’atmosfera, si surriscaldano e disgregano, lasciando dietro di se materiale fuso, la tipica e affascinante scia che tutti cercano di cogliere. L’espressione “lacrime di San Lorenzo” è associata al martirio dello stesso santo, nel 258 d.c circa: le luminose scie del cielo, vuole il mito, sarebbero le lacrime versate dal santo durante il supplizio sui carboni ardenti.
Nel nostro territorio non mancano certo i luoghi dai quali, stanotte, sarà possibile affacciarsi per godere dello spettacolo del cielo stellato e delle stelle cadenti.

Tra questi il belvedere di Ceyrat, a Nemi in via Grotticella, un affaccio diretto sul borgo, dal quale di può godere di un fantastico panorama del lago. A Nemi è anche assai nota la terrazza degli innamorati, immediatamente fuori dalle mura cittadine, e anch’essa gode di una strabiliante ed esclusiva vista del lago. Non da meno il belvedere di Castel Gandolfo, che sorge incastrato dal lago, davanti, e dal borgo protetto dalla cinta muraria, alle spalle, dando la possibilità passeggiare fra gli edifici storici e i luoghi di culto più noti della cittadina. Sicuramente sono validi anche i vari affacci sul lago che si trovano percorrendo la via dei Laghi.
Per chi invece cerca un luogo meno contaminato dalle luci cittadine, che potrebbero offuscare la nitidezza del cielo di questa notte, i prati del Tuscolo, a metà tra i comuni di Frascati, Grottaferrata, Monte Compatri e Monte Porzio Catone, sono perfetti per ammirare lo spettacolo in tranquillità e immersi nella sola luce delle stelle.

Queste sono solo alcune delle possibili mete del nostro territorio. Allora tutti con il naso all’insù a caccia di stelle, per esprimere i desideri che ricordate, non vanno rivelati a nessuno.

Condividi

Autore M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati