Castelli Romani Litorale: Partito per i lavoratori del servizio Recup il processo di stabilizzazione. Coinvolta tutta la Regione Lazio

Castelli Romani Litorale: Partito per i lavoratori del servizio Recup il processo di stabilizzazione.  Coinvolta tutta la Regione Lazio

Castelli Romani Litorale – Oggi, dopo diversi incontri tra le parti e a seguito di numerose richieste, Fp Cgil e Cisl Fp hanno siglato un accordo con la Rti Gpi per procedere alla stabilizzazione e valorizzazione delle professionalità delle lavoratrici e lavoratori impegnati nel servizio Recup.

L’intesa prevede la salvaguardia degli attuali posti di lavoro del personale a tempo determinato unitamente all’attivazione di un percorso di stabilizzazione a tempo indeterminato e alla creazione di un un bacino da cui le aziende dovranno attingere in caso di nuove assunzioni con lo scopo di non disperdere la professionalità acquisita in questi anni di emergenza.

vividental

Da settembre in poi, verranno prorogati o riattivati i contratti a tempo determinato scaduti o in corso di scadenza e sarà avviato il processo di stabilizzazione di una quota superiore al 20% (25 unità) dei lavoratori.

Inoltre, verrà avviato un percorso fin dal mese di ottobre per procedere a ulteriori stabilizzazioni, attingendo da un elenco di prelazione di lavoratori già coinvolti in precedenza con rapporti di lavoro a tempo determinato, che avranno priorità per il completamento di future assunzioni a tempo indeterminato.

Case di riposo Villa Il Sogno e Villa Serena

Sarà inoltre attivato un costante monitoraggio per verificare tutte le condizioni atte all’applicazione puntuale di quanto previsto dall’accordo.

Fp Cgil e Cisl Fp, in quanto organizzazioni sindacali, vigileranno affinché quanto rivendicato e raggiunto continui a perfezionarsi per conferire dignità ai lavoratori precari che, come gli altri, sono stati fondamentali per i servizi e continueranno a esserlo, considerando anche l’attuale inasprimento covid e le continue necessità dell’utenza.

Le due organizzazioni infine hanno ribadito alla Rti la necessità di avviare un processo di verifica degli inquadramenti del personale e di giungere in tempi rapidi a un accordo di secondo livello, che preveda premialità legate alla produttività e performance collettive e individuali.

Condividi

Autore A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati