Castelli Romani Area Pontina, centinaia di agricoltori in ginocchio per la siccità e caro gasolio. Ascoltati in Regione Lazio

Castelli Romani Area Pontina, centinaia di agricoltori in ginocchio per la siccità e caro gasolio. Ascoltati in Regione Lazio

Castelli Romani – L’ASPAL è stata audita alla pisana, presso il consiglio regionale del Lazio, e precisamente dall’ ottava commissione agricoltura e ambiente. Erano presenti l’ assessore all’agricoltura della Regione Lazio, onorevole Enrica Onorati; il presidente dell’ottava commissione agricoltura e ambiente della Regione Lazio onorevole Valerio Novelli; il vicepresidente dell’ottava commissione agricoltura e ambiente onorevole Giancarlo righini; ed infine il dottor Ugo Della Marta, direttore regionale del settore agricoltura, caccia , pesca e foreste . L’Associazione produttori agricoli del Lazio ,é stata rappresentata a questo incontro ,da Stefano Giammatteo presidente ASPAL , Piero Valeri e Remo Bagaglini vice presidenti Aspal, Pio Castellucci consigliere Aspal, Fernando Monfeli e Antonio Felice Monfeli, associati ASPAL. La seduta é iniziata con l’ intervento del consigliere regionale On.le Giancarlo Righini, il quale ha esposto le emergenze del settore agricolo in questo momento , a cominciare dai danni causati dagli andamenti climatici, dal caro gasolio, caro bollette e materie prime in generale , con conseguenze enormi sul reddito degli agricoltori, le quali necessitano di interventi urgenti che possano far fronte all’ emergenza . IL presidente Giammatteo Stefano, nel suo intervento ha evidenziato l’ esigenza di una modifica delle legge nazionale 102/2004,che disciplina gli interventi causati dai danni climatici; accompagnata da un nuovo modello assicurativo, che garantisca la copertura e la difesa del reddito aziendale, da tutte le avversità; sia climatiche, che fitopatologiche, ed anche da fauna selvatica . Inoltre Giammatteo sulle speculazioni che ci sono sui prodotti agricoli al campo, ha proposto il riconoscimento del costo di produzione di ogni prodotto agricolo coltivato, affinché ogni agricoltore non venga costantemente penalizzato da un mercato, sempre più globale, dove le grosse lobby commerciali fanno come vogliono ai danni dell’ anello più debole della filiera agro-alimentare . Piero Valeri in qualità di vice presidente ASPAL, si é soffermato sull’ emergenza e carenza di manodopera in agricoltura e ancor di più nelle aziende boschive, proponendo di investire sulla formazione di tutte quelle persone, sia italiane che immigrate, che abbiano la predisposizione a svolgere questi tipi di lavori nelle campagne e nelle aziende boschive, altrimenti non avremmo più la possibilità di portare avanti le nostre attività. Inoltre, ha concluso Piero Valeri, occorre defiscalizzare gli oneri sociali contributivi sul lavoro stagionale ,per abbattere il costo del lavoro, ed inoltre per facilitare e velocizzare le assunzioni, bisognerebbe reintrodurre i voucher in agricoltura.

Il consigliere Pio Castellucci ,ha ricordato quanto abbia inciso sull’ emergenza in agricoltura, i circa tremila ettari di kiwi perduti nel Lazio negli ultimi tre/ quattro anni, per effetto della Moria, ed ancora oggi non sappiamo con certezza da cosa sia stata causata ,e neanche come combatterla . Infine c’è stato l’ intervento del socio ASPAL Monfeli dalla provincia di Viterbo, il quale si è soffermato sui danni causati dai cinghiali e da altre specie di fauna selvatica, soprattutto sui noccioleti , ma anche sui cereali , girasoli ecc. ecc. Non ne possiamo più di subire e basta, ha affermato Monfeli. La Regione Lazio deve intervenire al più presto,insieme allo stato, per fare fronte ai danni causati anche dalla fauna selvatica, altrimenti continueremo a perdere produzioni e ci indebiteremo ancor di più. Noi purtroppo ha concluso Monfeli, non possiamo abbandonare le Nostre terre, perché non abbiamo altre opportunità lavorative . Alla fine della seduta, l’Aspal Lazio ha ringraziato tutta la commissione, consegnando un documento riassuntivo di tutto ciò che è stato esposto, con le relative proposte su ogni argomento che é stato trattato e affrontato. La segreteria dell’ ottava commissione, ha verbalizzato tutto ciò che è stato detto, ed ha preso impegno di rivedersi a breve, per approfondire ogni tematica esposta, cercando di trovare soluzioni condivise a queste continue emergenze . Secondo il direttivo Aspal Lazio, bisogna affrettare i tempi, altrimenti sarà troppo tardi e noi rischieremo seriamente di veder fallire altre aziende, oltre alle tante che già abbiamo perso, dall’ inizio della pandemia fino ad oggi .

Condividi

Autore M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: