Calcio, Cynthialbalonga batte Castelfidardo. Decide un gol di Pace

Calcio, Cynthialbalonga batte Castelfidardo. Decide un gol di Pace

La Cynthialbalonga Calcio vince la sua seconda gara interna stagionale (su due disputate) battendo il Castelfidardo per 1-0.

Ma la gara è stata davvero tirata con gli ospiti marchigiani (che avevano appena fermato il Campobasso) abili nella fase difensiva e con i castellani non ispiratissimi dal punto di vista delle soluzioni offensive.

A risolvere la sfida è stato l’esterno sinistro difensivo classe 1999 Federico Pace, bravo a smarcarsi in area su una perfetta verticalizzazione di capitan Angelilli quando mancavano poco più di quindici minuti al 90esimo.

“E’ un gol pesante, ci tenevamo a vincere questa partita. Dopo aver sciupato parecchio nella gara della settimana precedente sul campo dell’Atletico Sant’Elpidio (dove è uscito un pareggio per gli azzurri, ndr), diciamo che ci siamo ripresi quei punti pur senza dominare l’incontro col Castelfidardo”.

Decisiva nel finale anche una spettacolare parata di Santilli, ma è stato molto significativo anche l’abbraccio di Pace con Venturi dopo la rete:

“Il mister mi conosce da tre anni, c’è un rapporto di forte stima tra di noi, anche se lui mi “sprona” spesso in mezzo al campo – sorride il difensore – Comunque, oltre ad essere un ottimo tecnico, è un grande motivatore e questo spinge la squadra a fare quel qualcosa in più”.

La classifica del girone F è ancora molto intricata: non c’è nessuna squadra a punteggio pieno, ma ce ne sono tre in vetta a 10 punti (Campobasso, Notaresco e Recanatese), poi il Castelnuovo a 9, il Tolentino a 8 e l’accoppiata Vastogirardi-Cynthialbalonga a 7.

“Non so se vinceremo questo campionato – riprende Pace – Ma di sicuro questa è una squadra allestita per stare ai vertici della classifica: siamo assolutamente convinti dei nostri mezzi e lavoriamo tanto per essere protagonisti”.

Nonostante diverse sirene estive, Pace ha deciso di proseguire il suo rapporto con la Cynthialbalonga:

“L’unico dubbio che ho avuto, in realtà, ha riguardato la possibilità di fare un salto di categoria. Ma rimanendo in serie D, non c’era alcuna incertezza sulla mia permanenza qui: sto bene, la società è seria ed organizzata e l’ambiente è giusto per poter fare bene”.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati