BUSTA PAGA MARZO 2022:
GLI IMPATTI DELLE NOVITà LEGISLATIVE

BUSTA PAGA MARZO 2022:GLI IMPATTI DELLE NOVITà LEGISLATIVE

Ariccia – Dal 1° marzo 2022 le buste subiranno importanti modifiche a causa dell’abolizione delle detrazioni per i figli minori di 21 anni e degli Assegni per nucleo familiare.
La busta di marzo 2022 è l’appuntamento atteso dai dipendenti per valutare l’impatto di queste novità. Vediamo nel dettaglio quali sono:

  • Detrazioni per figli a carico: dalla busta di competenza marzo 2022 le detrazioni per figli, fino a 21 anni, non saranno più presenti in quanto assorbite dall’Assegno Unico.
  • Assegni per il nucleo Familiare: come per le detrazioni anche gli assegni del nucleo familiare, dal mese di marzo 2022, non saranno più presenti in busta paga in quanto assorbiti dall’assegno unico.
  • Sgravio contributivo Inps: Per i dipendenti con imponibile previdenziali fino a 35.0000 euro annui (euro 2.692 euro mensili), spetterà uno sgravio dei contributi a loro carico dello 0,80% per il periodo gennaio-dicembre 2022. Questo sgravio farà quindi aumentare, se pur di poco, il netto in busta paga. Nei mesi tra marzo e maggio 2022 in busta paga avverrà il recupero dei mesi pregressi a partire da gennaio 2022.

Volendo tirare le somme come sarà l’impatto totale di queste variazioni sulle buste paga di marzo 2022?
Sicuramente non piacevole per chi prendeva in busta detrazioni per figli ed assegni.
Questi dipendenti vedranno infatti ridurre il proprio stipendio netto.

La riduzione dello stipendio verrà compensata dalla ricezione dell’assegno unico?
In parte sì, ma solo se si è presentata la domanda entro il 28 febbraio.
In caso contrario l’assegno unico non verrà liquidato nel mese di marzo 2022.
I dati ci indicano che non sono pochi i dipendenti che non sono riusciti a presentare domanda dell’assegno unico entro il 28 febbraio. Probabilmente molto di loro si sono trovati a fare i conti con i tempi burocratici per produrre i documenti ai fine Isee, e con le nuove modalità di accesso ai servizi telematici con SPID.
Per questi soggetti, sarà necessario fare i conti con un ristretto budget familiare per il mese di marzo 2022.

Attenzione alle prossime scadenze se ancora non hai presentato domanda per l’assegno unico:

  • presentando la domanda entro il 30/06/2022, avrai diritto al riconoscimento degli arretrati a partire dal mese di marzo;
  • presentando la domanda dopo il 30/06/2022, avrai diritto all’assegno solo dal mese successivo a quello della domanda.

Contatta i nostri uffici per assistenza alla presentazione della domanda assegno unico.

Dott.ssa De Marzi Romina

romina de marzi
paghe pratiche ariccia
Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati