Bus Mestre, ipotesi e dinamica dell’incidente: cosa sappiamo

Bus Mestre, ipotesi e dinamica dell’incidente: cosa sappiamo

(Adnkronos) – Un malore o un incidente legato al traffico che si è trasformato in un volo nel vuoto che è costato la vita a 21 persone, tra cui l’autista alla guida. La dinamica di quanto avvenuto sul cavalcavia di Mestre, dove un bus elettrico ha sfondato un doppio guardrail e ha preso fuoco dopo l’impatto, è ancora tutta da chiarire, ma le telecamere presenti e le due ‘scatole nere’ sul mezzo potrebbero aiutare.  L’autobus viaggiava sulla corsia di destra, in pieno rettilineo, a una velocità ridotta a causa del “molto traffico” e “dalle immagini si vede un affiancamento”, spiega l’assessore veneto alla Mobilità Renato Boraso, ma servirà una valutazione più approfondita per capire cosa sia successo pochi secondi dopo. Sul tratto di strada comunale dove è avvenuto l’incidente sono in corso lavori per ammodernare il cavalcavia tra cui anche la sostituzione dei guardrail. “Sul tema della sicurezza del nostro Paese, noi è dal 2016 che abbiamo cominciato il monitoraggio e le perizie. Dopo il Ponte Morandi noi ci siamo preoccupati di un cavalcavia che è del 1930”, dice Boraso, “si vede che è vecchiotto”. Il “guardrail è a norma” ma, precisa l’assessore, “rispetto alla norma di quando è stato messo”. Al momento “c’è un doppio guardrail, però è da sostituire”. I lavori, da 6,5 milioni di euro, “sono in corso da un mese. Rifacciamo tutte le asfaltature e tutta la cordonata a cui vanno agganciati i nuovi guardrail, perché se si guarda la cordonata, si capisce che anche mettendone dieci di guardrail, se uno perde il controllo, cade giù”.  Infine lo sfogo, per “un’opera dello Stato, che qualcuno ha ereditato”. In particolare, precisa, “il cavalcavia è stato trasferito al Comune di Venezia oltre dieci anni fa, io come l’ho ereditato nel 2016 l’ho messo in monitoraggio immediato, fatti i progetti, però il sindaco ha dovuto trovare dei fondi. Ora lo stiamo rimaneggiando. Sarebbe auspicabile che per un’opera dello Stato ci fosse anche lo Stato a darti una mano, ma non capita sempre così”. —[email protected] (Web Info)

Last Updated on 4 Ottobre 2023 by Redazione

antica osteria eventi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati