ASL Roma 6 e Ospedale Castelli: un anno di impegno e passione. Altri posti letto ed emodinamica le nuove sfide

ASL Roma 6 e Ospedale Castelli: un anno di impegno e passione. Altri posti letto ed emodinamica le nuove sfide

È passato un anno da quel 13 dicembre che ha visto concretizzarsi un sogno di tutta l’ASL Roma 6 e dell’intero territorio: l’apertura dell’Ospedale dei Castelli.

Dodici mesi di impegno e passione che, grazie alla professionalità, alla competenza e alla dedizione degli operatori, ha prodotto grandi risultati in termini di organizzazione, accuratezza e rigore nella presa in carico dei pazienti. Un’esperienza che ha unito menti e cuori per un grande progetto.

In questo primo anno l’ospedale è cresciuto in modo esponenziale: sono stati effettuati 7.000 ricoveri, 40.000 accessi in Pronto soccorso, 2.500 interventi chirurgici e 60.000 prestazioni di natura ambulatoriale (che salgono a 250.000 considerando anche le analisi di laboratorio), e sono nati 613 bambini.

“Dall’apertura della nuova struttura sanitaria a oggi abbiamo registrato un incremento di tutte le prestazioni erogate: dagli interventi chirurgici alle degenze, dai servizi ambulatoriali alle complessità trattate” ha commentato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.

“L’Ospedale dei Castelli rappresenta ormai un punto di riferimento importante per il territorio e per la rete regionale dell’emergenza. Un’ulteriore dimostrazione che la sanità del Lazio è tornata a investire con successo sui territori e nei servizi”.

“L’Ospedale dei Castelli, così come l’intera azienda e i suoi professionisti, nell’anno appena trascorso, hanno fatto tantissima strada. Questo significa” commenta il Direttore Generale della ASL Roma 6 Narciso Mostarda “che i cittadini di questo quadrante della provincia di Roma possono affidarsi a occhi chiusi a questo ospedale, che viaggia a una velocità nettamente superiore rispetto a quella dei due ex nosocomi di Albano e Genzano, a cominciare dagli accessi in Pronto soccorso”.

“Il prossimo obiettivo sarà ora l’attivazione dell’emodinamica e di una Stroke Unit di primo livello. Un ospedale che, dopo aver aumentato appena un mese fa i posti letto di 50 unità, già guarda al futuro, con un ulteriore aumento della dotazione di posti letto per acuti: oggi siamo a 206 e contiamo di superare i 250, fino a raggiungere il massimo della capienza”.

“È stato un percorso tortuoso, ma i nostri professionisti dimostrano di avere fiducia e grande spirito di squadra. Operatori e cittadini oggi sanno che, quando annunciamo un progetto, riusciamo a renderlo realtà”.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati