Ariccia, Tomasi-Monosilio: “No alla seconda isola ecologica su Via Campoleone. Chiarimenti anche sul piano viabilità”

Ariccia, Tomasi-Monosilio: “No alla seconda isola ecologica su Via Campoleone. Chiarimenti anche sul piano viabilità”

Il giorno 27/01/2020, per la prima volta, ad Ariccia si è riunita la seduta relativa alla commissione consiliare “URBANISTICA, TERRITORIO, VIABILITÀ, AMBIENTE, TRASPORTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE”.

“In quanto membro della suddetta commissione e in accordo con la Capogruppo del Partito Democratico Francesca Monosilio” dichiara il consigliere Emilio Tomasi, ex candidato Sindaco sostenuto dallo stesso PD  durante le amministrative 2020 “ho chiesto che fossero posti all’Ordine del Giorno due questioni di particolare attualità e rilievo per la comunità: la collocazione della terza isola ecologica e l’organizzazione della mobilità (pedestre e tramite mezzi pubblici) connessa alla chiusura del ponte monumentale. Stante l’incombenza di alcune scelte, ci saremmo aspettati un celere aggiornamento del consesso, che però, ad oggi, non è ancora avvenuto”.

“Non vogliamo una seconda isola ecologica su Via Campoleone e, soprattutto, non accanto all’Ospedale dei Castelli nell’area dell’ex depuratore” rincalza la consigliera Monosilio.

Congiuntamente e con toni decisi dichiarano Tomasi e Monosilio: “Non la vogliamo perché in quel luogo riteniamo opportuni e necessari, piuttosto, degli impianti sportivi a servizio del quartiere di Fontana di Papa (come scritto nel nostro programma elettorale)”.

“Non la vogliamo perché già è sottoutilizzata la già esistente isola ecologica, posta alla fine di Via Campoleone. Non la vogliamo perché si utilizzerebbero soldi regionali per finanziare la rimozione di manufatti (ex deputatore) che è compito di ACEA demolire”.

“Per ultimo, ma non ultimo” continuano i consiglieri di opposizione “non la vogliamo perché sono inaccettabili e illegittimi impianti di trattamento del compost in prossimità di strutture ospedaliere”.

“Quanto alla mobilità dei cittadini ariccini all’indomani della chiusura del ponte monumentale, occorre far chiarezza su quale piano l’Amministrazione comunale di Ariccia intenda mettere in campo per utilizzare al meglio i copiosi servizi che le sono stati offerti dalla Regione Lazio per il tramite delle proprie aziende di trasporto, dei particolari accordi con le aziende di trasporto privato e con i sindacati di N.C.C.”.

Condividi

Valentina INFO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Tutti i diritti riservati