Albano, l’Anpi commemora la battaglia di Villa Doria: “Uno dei primi episodi di resistenza del 9 settembre 1943”

Albano, l’Anpi commemora la battaglia di Villa Doria: “Uno dei primi episodi di resistenza del 9 settembre 1943”

Albano – Come ogni anno, la locale sezione Anpi commemora la Battaglia di Villa Doria, uno dei primi episodi di resistenza del 9 settembre 1943, nel quale persero la vita 27 soldati di fanteria della Divisione Piacenza, oltre a 30 feriti gravi per mano di un contingente tedesco di paracadutisti “Fliegerkorp”

.Alle ore 17.30 una delegazione si recherà presso il cimitero di Albano per porre un omaggio floreale alla lapide che ricorda le vittime; Alle ore 18.00 invece presso la lapide di Villa Doria che commemora i 27 soldati morti sotto il piombo nazifascista.

Questa la testimonianza di Severino Spaccatrosi:“La mattina del 9 settembre, erano appena le cinque, venni svegliato da colpi di cannone; nella stessa via dove abitavo sentii crepitare vicinissimi vari colpi di arma da fuoco. Dovetti compiere un gesto quasi brutale nei confronti di mia madre che voleva impedire a tutti i costi di uscire.

Corsi a casa di Angelo Monti che era vicinissima alla mia, anche qui si ripeté la stessa scena che si era svolta pochi minuti prima a casa mia.

grafiche settembre

Ci rendemmo subito conto che i Tedeschi stavano realizzando un piano meticolosamente preparato da tempo. Gli ufficiali del comando della divisione <Piacenza> , quegli stessi che avevano risposto ai nostri compagni di non darsi pena perché sapevano loro cosa avrebbero dovuto fare in caso di un attacco tedesco, si lasciarono sorprendere in un albergo, qualcuno di essi riuscì a svignarsela mezzo nudo fuggendo attraverso i tetti, gli altri furono arrestati dai tedeschi

Una caserma sita in fondo alla stessa via dove abitava, in via del Collegio Nazareno, adibita al scuola dei pompieri, corpo militarizzato, fu presa d’assalto e in men che non si dica, sbaragliata da pochissimi tedeschi armatissimi. Una compagnia della divisione <Piacenza> non si lasciò sorprendere e nella Villa Comunale rispose al fuoco dei tedeschi…”

Cosi in un comunicato la sezione ANPI “Marco Moscato- Salvatore Fagiolo” Albano- Castel Gandolfo

Condividi

Autore 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati