Albano, incontro al Comune: le tre associazioni chiedono la chiusura della discarica al Sindaco

Albano, incontro al Comune: le tre associazioni chiedono la chiusura della discarica al Sindaco

Albano – L’incontro tenutosi a palazzo Savelli ad Albano, ieri sera, tra il sindaco Massimiliano Borelli, l’assessore ai rifiuti, Maurizio Sementilli, l’assessore Gabriella Sergi, la comandante della Polizia locale, Maria Luisa De Marco e le Associazioni Ust , Salute Ambiente e No Inc si è svolto in una iniziale atmosfera di tensione, dovuta alla ormai imminente proroga di altri sei mesi di conferimento alla discarica di Roncigliano.

La richiesta avanzata dal comitato Ust è stata quella di emettere una ordinanza di chiusura in autotutela e prima del termine dell’ordinanza della ex sindaca Raggi. Su questo punto il sindaco Borelli e l’assessore Sementilli si sono presi l’impegno di valutare, attraverso gli avvocati, la fattibilità di tale azione, supportata anche dai sindaci di bacino.


Tutti i presenti hanno sottolineato la necessità di un incontro urgente all’ufficio Regione Lazio per discutere le vecchie autorizzazioni del 2009 mai aggiornate e revisionate chiedendo il supporto di tutti i sindaci del bacino. Al termine dell’incontro, tutti hanno convenuto e si sono lasciati con il comune intento di valutare fattivamente queste strade.

“L’amministrazione comunale di Albano ha ricevuto anche la risposta da parte dell’Arpa Lazio, sulla nostra precedente richiesta di installazione di centraline odorifere da installarsi nei pressi della discarica. Ora attendiamo , dicono dal comitato Ust, che l’amministrazione ci comunichi il responso dato dagli avvocati sulla possibilità della ordinanza di chiusura in autotutela , dettagliando le motivazioni di un eventuale diniego”.

Mentre di poco fa la notizia che è confermata l’ordinanza del sindaco di Roma in questo caso Roberto Gualtieri, che ha prorogato fino a fine luglio il conferimento dei rifiuti romani presso il VII invaso di via roncigliano ad Albano.

Condividi

AutoreL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati