Albano, al via la fiera della piccola editoria dei beni culturali tra storia, archeologia e restauro

Albano, al via la fiera della piccola editoria dei beni culturali tra storia, archeologia e restauro

Albano – Dal 17 al 19 settembre si terrà ad Albano Laziale la Fiera della piccola editoria dei Beni Culturali. 

La manifestazione si svolgerà nel gradevole giardino retrostante il Museo Civico “Mario Antonacci”, dove verranno allestiti gli stand e lo spazio per le presentazioni dei libri.

Professionisti e studiosi di alto profilo, esperti nelle tematiche affrontate nelle singole opere, presenteranno le 18 novità editoriali, attraverso una formula snella e dialogata, incentrata sul libro stesso e allargata agli ambiti storici, culturali e tematici suggeriti dallo stesso. Letture declamate inerenti all’argomento presentato, arricchiranno le presentazioni.

“Dopo il notevole successo della I edizione (2019) i Musei Civici del Comune di Albano Laziale organizzano una nuova edizione di questa importante manifestazione, volta alla valorizzazione della editoria che si occupa di beni culturali – ha dichiarato il Direttore del Museo Civico, Dott. Massimiliano Valenti.

Un’editoria di nicchia, che spesso paga gli alti costi della distribuzione (e dunque della visibilità), ma che produce prodotti di alta qualità, spesso frutto dell’azione di ricerca e divulgazione promossa da Musei ed Enti locali, a volte in collaborazione con importanti e prestigiose Istituzioni (Soprintendenze, Università, Regioni, Enti di ricerca, etc.)”.

L’assessore alla Cultura, Vincenzo Santoro, ha aggiunto: “La buona riuscita della prima edizione ci ha spinto alla riorganizzazione dell’evento, con l’ambizione di trasformarlo in manifestazione annuale. L’obiettivo è quello di far diventare i Castelli Romani punto di riferimento per la diffusione della cultura al di fuori di Roma, facendo affidamento su un bacino di utenti ragguardevoli, non sempre disposto a raggiungere la Capitale”. 

grafiche settembre

“La Città di Albano Laziale Albano ha la fortuna e il privilegio di avere un ricco patrimonio storico e archeologico che ci permette di mettere in atto manifestazioni importanti come questa.

Dobbiamo continuare in questa direzione e lavorare per valorizzare ancor di più le nostre ricchezze archeologiche creando nuove opportunità che consentano di realizzare percorsi storico-archeologici coinvolgenti” – ha concluso il Sindaco, Massimiliano Borelli.

Nei due giorni della manifestazione, ad ingresso libero e gratuito, saranno altresì gratuiti l’ingresso e la visita al Museo.

Condividi

Autore 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Tutti i diritti riservati