A Roma piantato un albero di melograno contro i tumori pediatrici

A Roma piantato un albero di melograno contro i tumori pediatrici

Viti (Fiagop): Vorremmo piantarne uno in ogni municipio

Roma – Da oggi a Roma c’è un albero di melograno in più. Non è una semplice pianta da frutto. È, invece, un vero e proprio simbolo di speranza: quella dei bambini che lottano ogni giorno per sconfiggere il cancro.

L’albero, infatti, è stato piantato nel giardino dell’asilo nido comunale ‘Lo Scarabocchio’, in via dei Lampugnani, 35, nel cuore del municipio XII, in occasione della Giornata mondiale contro i tumori infantili.

L’iniziativa nasce grazie all’impegno della Federazione italiana associazioni genitori e guariti oncoematologia pediatrica Ets (Fiagop). “Si tratta – ha spiegato il presidente Fiagop, Paolo Viti- della seconda volta che piantiamo un albero di melograno nei municipi di Roma. Abbiamo iniziato nel decimo e oggi siamo in questo asilo nido del municipio XII, dove siamo stati accolti molto bene. I bambini ne hanno approfittato per mettere le mani nella terra per dare il benvenuto al ‘nuovo arrivato’. La nostra idea è quella di piantare un melograno in ogni municipio della città”.

“Il melograno – ha proseguito Paolo Vitiè infatti il simbolo della campagna ‘Diamo radici alla speranza, piantiamo melograni’. Una campagna che nasce dopo il lancio dei palloncini bianchi, che abbiamo però abbandonato per motivi ecologici e perché vogliamo lanciare il messaggio che deve esserci sempre più verde e sempre meno inquinamento”.

“Speriamo – l’augurio del presidente Fiagop – che i piccoli che oggi hanno visto piantare l’albero di melograno nel giardino del loro asilo possano avere più sensibilità di quanta ne abbiamo avuta noi in precedenza”.

I bambini e le bambine, dunque, non sono stati a guardare: aiutati dalle loro maestre si sono trasformati per l’occasione in piccoli giardinieri. Curiosi ed emozionatissimi, armati di palette e camion e al grido di ‘evviva’ hanno aiutato il giardiniere a piantare l’albero. Ora avranno il compito di prendersi cura del melograno.

Presente all’evento l’assessora alle Politiche Educative e Scolastiche, Politiche Giovanili, Edilizia Scolastica, Politiche del Patrimonio e Valorizzazione dei beni comuni del municipio XII di Roma Capitale, Maria Stella Squillace. “Ringrazio la Fiagop – ha affermato – la cui presenza è fondamentale. Questo albero è un dono. È stato scelto l’asilo nido perchè secondo noi è fondamentale che la cura del melograno avvenga in questo luogo. Il melograno, inoltre, è il simbolo della fertilità: una vita che continua, nella speranza di poter sconfiggere il cancro e, nello stesso tempo, accompagnare nel ricordo le bambine e i bambini che non ci sono più”.

“Abbiamo accolto con estremo favore la proposta di Fiagop di piantumare questo albero di melograno – ha aggiunto il consigliere e presidente della Commissione Politiche Sociali del municipio XII di Roma Capitale, Alessandro Alongie abbiamo scelto questo asilo comunale proprio per sensibilizzare i più piccoli, le famiglie e il personale scolastico alla problematica dell’oncologia pediatrica. Quello di oggi vuole essere un segno di rinascita”.

“È importante che le istituzioni siano presenti – ha sottolineato Marianna Ricciardi, deputata del Movimento 5 Stelle – per poter dare il proprio supporto e sostegno a simili iniziative. Partire dalla sensibilizzazione già nelle fasce d’età più piccole della popolazione, quindi sensibilizzare sia i bambini che gli operatori, è fondamentale”.

“L’auspicio – ha concluso – è che oggi si possa aver piantato un seme che dia poi un frutto e mi auguro che un domani i bambini, quando si interrogheranno sul perché di questo gesto, possano decidere di impegnarsi nella lotta contro i tumori oncologici pediatrici, diventando magari ricercatori o medici”.

Da oggi, dunque, a Roma c’è un albero di melograno in più. Per vederne i primi frutti bisognerà aspettare almeno il prossimo anno, ma la speranza è già iniziata.

QUI per leggere altre INFO simili – QUI per consultare la nostra pagina Facebook

Last Updated on 2 Giugno 2024 by Autore G

Autore G

error: Tutti i diritti riservati