Lanuvio in lutto per la morte di Francesco Tozzi, l’uomo vittima dell’incidente stradale di Via Astura

Lanuvio in lutto per la morte di Francesco Tozzi, l’uomo vittima dell’incidente stradale di Via Astura

Lanuvio – Tutta la comunità lanuvina si è stretta attorno al dolore della moglie e delle figlie adolescenti di Francesco Tozzi, l’operaio specializzato della Findus di Cisterna di Latina che, nel pomeriggio di ieri, a soli 48 anni, ha perso la vita nell’incidente di via Astura.

In tanti lo stanno ricordando sui social privati e sulla pagina facebook del gruppo ideato da Bruno Bellucci “Semplicemente Lanuvio” con messaggi affettuosi e con ricordi belli di giovinezza con il loro amico scomparso oggi poco prima delle 14 mentre si stava recando al lavoro con la sua macchina.

Un ragazzo pieno di vita, gran lavoratore, si adattava a fare tutto e aveva le mani d’oro“, ha detto un suo amico di infanzia.

“Francesco, era una persona per bene, amava la sua famiglia, lo sport, le gite all’aria aperta, i viaggi in montagna, le corse con gli amici, ci mancherà molto”, ha detto un altro suo amico di giovinezza.

In tanti lo ricordano anche al Bar Centrale di Lanuvio, quando faceva il barista, sempre con serietà, gentilezza e grande professionalità.

Anche il sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, che oggi si è recato sul luogo dell’incidente, ha espresso vicinanza e solidarietà alla famiglia del 48enne Francesco Tozzi, che ha trovato la morte in maniera così repentina contro un altro lanuvino, molto conosciuto nella cittadina, G.D. 61 anni, che si trova ricoverato in ospedale a Velletri ma non sembrerebbe in pericolo di vita.

I vigili del fuoco intervenuti sul posto hanno subito estratto Tozzi dall’abitacolo della macchina ridotta ad un groviglio di lamiere ed i sanitari del 118 hanno fatto del tutto per salvargli la vita adoperandosi per oltre 40 minuti per rianimarlo prima di dichiararne la morte. La salma si trova ora al policlinico di Tor Vergata per l’autopsia di prassi e poi si potrà celebrare il funerale nella sua Lanuvio.

Condividi

Redazione 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *