“Pensando a chi da un anno è in zona rossa”: lettera sulla condizione di chi è in strutture assistenziali

“Pensando a chi da un anno è in zona rossa”: lettera sulla condizione di chi è in strutture assistenziali

Ospitiamo questa lettera, che ha inviato alla nostra redazione un gruppo di parenti e amici di persone ricoverate in una struttura dei Castelli Romani che, insieme ad alcuni ospiti, intendono segnalare la situazione delle tantissime persone che da più di un anno vivono come reclusi nelle numerose strutture socio-sanitarie e assistenziali della zona.

Pensando a chi da un anno è in zona rossa… Anche se ora è in arancione, il Lazio a marzo è tornato solo per un periodo in zona rossa. Eppure sono tanti quelli che, nell’anno trascorso, non sono mai usciti dalla ‘zona rossa'”.

“Qualcuno l’ha subita come conseguenza delle chiusure, altri l’hanno vissuta in quanto relegati in luoghi chiusi, come le persone che sono in carcere e i numerosissimi anziani e disabili nelle strutture socio-sanitarie o assistenziali. Queste persone fragili hanno subito, proprio nei luoghi che dovevano proteggerli, le conseguenze del virus in modo devastante e tantissime persone sono morte. I sopravvissuti hanno perso compagni, hanno visto diradare il contatto affettivo con i propri cari e i propri amici e non di rado, negli spostamenti all’interno dell’istituto o durante i ricoveri in strutture Covid dedicate, hanno perso abbigliamento e altri oggetti personali”.

“Anche negli stessi luoghi dove sono ospitati, spesso sono rimasti chiusi nelle proprie stanze in isolamento per lunghi periodi, privati anche di momenti di socializzazione interni… I racconti dei diretti interessati potrebbero aggiungere molto a questa lista di privazioni e di disagi”.

“Dopo un anno, certamente sono state promosse alcune iniziative tese a migliorare il contatto degli ospiti con i loro cari (stanze degli abbracci, videochiamate…), si è mitigata la separazione all’interno, ma, nonostante in diverse strutture si sia anche conclusa la somministrazione del vaccino alle persone non colpite dal Covid-19 – in quanto gli altri, per un periodo, hanno già l’immunità connessa agli anticorpi sviluppati durante la malattia -, la maggior parte delle strutture rimane sostanzialmente chiusa”.

“In questi giorni, su un quotidiano nazionale, è apparsa la notizia che pochissime strutture hanno realizzato la stanza degli abbracci e anche le altre attività, avviate per limitare l’isolamento, appaiono del tutto insufficienti ad alleggerire la condizione di ‘reclusi’ che da un anno vivono gli anziani. Notava giustamente in un articolo Chiara Saraceno, parlando degli anziani chiusi nelle RSA, che ‘gli ospiti sono ormai costretti a una deprivazione relazionale e affettiva che ne peggiora fortemente la qualità della vita, di fatto accorciandola'” (Repubblica 24/03/2021)”.

“Del resto se da parte del Ministero della Salute e di altre istituzioni, come la Regione Lazio, si è chiesto agli istituti con decisione, sulla base di motivazioni sanitarie, di intraprendere la strada di una maggiore attenzione ai problemi relazionali degli anziani ed alla loro socializzazione, molto poco si è fatto in questa direzione, come se l’estrema difficoltà per le persone ricoverate di avere rapporti con familiari e amici fosse un problema secondario”.

“Si potrebbe dire che c’è troppo silenzio sulla condizione di quanti sono istituzionalizzati, mentre le stesse strutture vivono come in una condizione di separazione ed isolamento. Isolamento quasi fotografato dalla frase che troppo spesso si è sentita ripetere in passato: ‘Non si preoccupi, pensiamo a tutto noi!’. Frase che oggi, di fronte a quanto accaduto in questi luoghi durante la pandemia, suona veramente drammatica. Quella ‘preoccupazione’ non è stata sufficiente a proteggere e l’epidemia è entrata prepotente, nonostante le chiusure”.

“Dobbiamo apprendere la lezione che questo anno difficile ci comunica: la soluzione è nel superare ogni isolamento, quello dei ricoverati e quello delle strutture: occorre che quel ‘pensiamo a tutto noi’ si apra a comprendere un ‘noi’ più grande, a partire dagli stessi interessati, gli anziani, e coinvolga poi, parenti e persone che gli anziani hanno vicino, le associazioni, i comuni, le forze politiche e sindacali, i servizi territoriali, i medici di famiglia, le parrocchie (considerando quanto grave sia stata la mancanza di un servizio religioso)… Occorre, cioè, che il tessuto sociale si faccia carico in modo attivo di questa situazione”.

“Anche i recenti problemi connessi alla mancata vaccinazione di residenti e personale in strutture di accoglienza mostrano come sia importante che il tema degli anziani fragili non sia affidato esclusivamente a strutture esecutive come le ASL, le quali certamente hanno svolto con grande impegno un ruolo difficile e impegnativo durante la pandemia”.

“Fa riflettere come di recente, in un comune della zona dei Castelli, per affrontare in modo più consono il problema della refezione scolastica, sia stato convocato un tavolo comprendente l’ente pubblico, la scuola, la ditta e i genitori, mentre, nelle RSA, nonostante i cittadini a vario titolo concorrano al pagamento di una retta complessiva di 3600€ al mese a persona (di cui € 1.800 al mese a carico dei pazienti/familiari e/o comuni e € 1.800 conferiti alle strutture direttamente dalla ASL), praticamente nessuno di quanti sono direttamente coinvolti abbia voce in capitolo sulle scelte delle strutture, a cominciare dal vitto e dal trattamento cosiddetto ‘alberghiero'”.

“Per questo ci sembra opportuno aprire finestre di dibattito pubblico circa le scelte relative alla ‘cura’ delle persone fragili, iniziando in questo momento da come sia possibile alleggerire il loro isolamento. Vogliamo con questa iniziativa cominciare a dare corpo a quanto detto dal presidente del Consiglio Mario Draghi a Bergamo il 18 marzo: ‘Siamo qui per promettere ai nostri anziani che non accadrà più che le persone fragili non vengano adeguatamente assistite e protette'”.

Condividi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *