Covid, Città Futura Genzano: "Si utilizzi il 'Gino Cesaroni' per le vaccinazioni" | INFO, il giornale dei Castelli Romani

Covid, Città Futura Genzano: “Si utilizzi il ‘Gino Cesaroni’ per le vaccinazioni”

Covid, Città Futura Genzano: “Si utilizzi il ‘Gino Cesaroni’ per le vaccinazioni”

I consiglieri Flavio Gabbarini e Cristian Di Veronica, di Città Futura Genzano, hanno protocollato la seguente interrogazione sulla campagna di vaccinazione Covid al Sindaco Carlo Zoccolotti e alla presidente del Consiglio comunale Patrizia Mancini.

“In questi giorni” scrive Città Futura “si sta avviando l’auspicato cambio di passo per accelerare sui tempi della vaccinazione, in particolar modo da aprile, quando in Italia arriveranno milioni di dosi di vaccino”.

“Molti Comuni, anche su spinta dell’ANCI, hanno dato la disponibilità per partecipare attivamente alla migliore riuscita della vaccinazione di massa, con la messa a disposizione di Palazzetti dello sport, palestre e spazi dove è possibile sollevare paratie e pannelli divisori e avere percorsi di ingresso, attesa e uscita”.

“Si chiede al Sindaco di rendere nota, ufficialmente alla direzione dell’ASL Roma 6, la disponibilità a ospitare, presso il Palazzetto dello Sport ‘Gino Cesaroni’, il punto di vaccinazione per la nostra comunità e non solo”.

“Naturalmente, come già richiesto dall’associazione dei Comuni, le spese straordinarie, come pulizia, custodia e strutture di arredo, non dovranno essere a carico dei Comuni”.

“Non sfuggirà a nessuno che nei prossimi giorni servirà correre più veloci del virus, consapevoli che la strada è lunga e difficile. Ma la nostra disponibilità a concorrere con le nostre forze sarà importante anche alla luce del fatto che il vaccino di AstraZeneca sarà somministrato alle persone sopra ai 55 anni fino ai 65”.

“Si resta in attesa di una pronta risposta, con l’iscrizione all’Ordine del Giorno del prossimo Consiglio comunale”.

Condividi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *